Delitto Elena Ceste, confermati 30 anni per Buoninconti

Delitto Elena Ceste, confermati 30 anni per Buoninconti
17 Maggio Mag 2018 17 maggio 2018

Anche la Cassazione conferma la condanna a Michele Buoninconti, accusato di aver ucciso e occultato il cadavere della moglie Elena Ceste

La prima sezione penale della Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione per Michele Buoninconti, accusato di aver ucciso la moglie Elena Ceste, scomparsa dalla loro casa di Costigliole d'Asti il 24 gennaio 2014.

Il corpo della donna venne ritrovato nell'ottobre dello stesso anno in un canale a poca distanza dall'abitazione in cui la famiglia viveva. Secondo l'accusa, Buoninconti avrebbe ucciso la moglie, casalinga di 37 anni, per un "sentimento di vendetta per i tradimenti comprovati", come rilevato stamane dal pg di Cassazione Giuseppina Casella. L'uomo, che si è sempre proclamato innocente, avrebbe inoltre ercato di sviare ogni sospetto da sè, anche depistando le indagini.

La Suprema Corte ha rigettato il ricorso presentato dalla difesa dell'imputato contro la sentenza pronunciata dalla Corte d'assise d'appello di Torino nel febbraio dello scorso anno. Buoninconti, ex vigile del fuoco, è detenuto nel carcere di Saluzzo. In appello era stata confermata la condanna a 30 anni inflitta all'imputato dal gup di Asti nel 2015 con rito abbreviato.

I 4 figli della coppia, tuttora minorenni, vivono con i nonni materni, ai quali sono stato affidati. Buoninconti è infatti già decaduto dalla potestà genitoriale: nei suoi confronti i giudici torinesi, nel processo d'appello, avevano anche disposto il sequestro dei beni, compresa la quota della casa coniugale ereditata dopo la morte di Elena Ceste.

Tags

Commenti

Commenta anche tu