Non accetta la seconda moglie. E il marito algerino la massacra di botte

Non accetta la seconda moglie. E il marito algerino la massacra di botte
17 Maggio Mag 2018 17 maggio 2018

Orrore in provincia di Padova. Prima la segregazione in un garage, poi le botte perché non accettava di firmare il contratto che le imponeva la seconda moglie. Ora il marito è in carcere

"Non voglio in casa mia la tua seconda moglie". La 38enne ha provato più volte a opporsi ai diktat dell'islam, ma ogni volta in tutta risposta riceveva una raffica di botte dal marito. Tanto che in un paio di occasioni, al termine dei violenti pestaggi, è dovuta correre all'ospedale di Cittadella per farsi medicare. Adesso, dopo che per cinque volte i carabinieri sono accorsi per sedare le brutalità del marito, Mohamed Abla è stato sbattuto dietro le sbarre. Come ricostruito dal Corriere della Sera, il giudice Valentina Verduci lo ha condannato a due anni e tre mesi di carcere e gli ha imposto un risarcimento di 10mila euro oltre al pagamento delle spese legali.

Mohamed Abla è un algerino che vive a Fontaniva, paese di ottomila abitanti a una trentina di chilometri da Padova. È in Italia che si sposa e ha due figli maschi. Dopo qualche anno, però, decide di spedire la moglie ad Algeri. "Vai lì - le dice - che i bambini crescono meglio". La verità è un'altra: i parenti del marito, che la ospitano, la mettono in un garage insieme ai piccoli e le danno 150 euro al mese per vivere. Nel frattempo l'uomo paga una fideiussione a un'altra famiglia algerina per farsi spedire in Italia la figlia. Appena la moglie lo viene a sapere, decide di affrontare il marito e torna in Italia. Non appena arriva a Fontaniva inizia il suo incubo.

Come fanno molti musulmani, Mohamed Abla prova a imporre alla donna la seconda moglie. Vuole che sia tutto "regolamentato", così le chiede di firmare il contratto che la costringe ad accettare l'altra donna nella loro casa. Ma non appena questa si oppone, le richieste diventano diktat e i diktat botte. "Mohamed Abla - ha spiegato il pm in Aula - era molto bravo a picchiarla in posti nascosti dagli abiti, in modo che la gente non vedesse". Oltre alle botte, la donna viene tempestata di umiliazioni. "Faceva la spesa lasciando il cibo in macchina e chiudendo a chiave, in modo che lei non lo potesse prendere- racconta l'avvocato Forestelli al Corriere della Sera - dava qualcosa ai bambini ma a lei niente, era costretta ad andare a elemosinare cibo da amici e vicini di casa".

Il dramma di questa donna non è un caso isolato. Ormai i maltrattamenti sono all'ordine del giorno. "Non possiamo accettare l'imposizione delle leggi coraniche della shaaria qui in Italia - commenta il leghista Paolo Grimoldi - non possiamo accettare sul nostro territorio chi si rifiuta di adeguarsi alle nostre regole e al nostro modo di vivere e pretende di imporci la poligamia che vale nei Paesi islamici". Il deputato del Carroccio ora chiede che l'algerino venga immediatamente espulso dall'Italia: "Via subito, via lui e via tutti quelli che in Italia pretendono di vivere come fossero in Algeria: vogliono avere più mogli? Allora restino a casa loro, ma se vengono qui devono adeguarsi alle nostre leggi".

Tags

Commenti

Commenta anche tu