Volpi ingrassate per pellicce più belle

Volpi ingrassate per pellicce più belle
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Maggio Mag 2018 17 maggio 2018

In Finlandia modificate geneticamente e torturate per l'industria

Manila Alfano

Allevano mostri per guadagnare di più. Volpi modificate geneticamente, messe all'ingrasso furioso: è la vergogna della Finlandia. Animali ingozzati fino a raggiungere cinque volte il loro peso normale. Con effetti devastanti. Rimbalzano le foto, e sono orrende. A tal punto da non essere pubblicabili. Volpi artiche snaturate per ottenere più pelle del normale e dunque, più pelliccia da vendere. Immagini che rompono il silenzio glaciale, scattate dall'associazione animalista finlandese Oikeutta Eläimille, (giustizia per gli animali) da tempo impegnata a rendere pubblica la realtà nascosta dietro alla produzione di pellicce. Gabbie sacrificate di due metri per due, per due o tre esemplari, vere e proprie prigioni, anguste e buie.

Le immagini diffuse dall'associazione sono frutto di un'indagine negli allevamenti nella regione di Ostrobothnia, costa occidentale del Paese. E mostrano volpi grigie in gabbie deformate nel loro aspetto da accoppiamenti selettivi e interventi scientifici tanto da non essere più riconoscibili. Vedi una massa praticamente informe, a stento riconosci le zampine, ormai gonfie e nascoste dalle pieghe della pelle del corpo che le ricopre, gli occhietti infossati tra il grasso e iniettati di sangue. Sofferenze inaudite e ingiustificabili. E sono i numeri che fanno capire meglio: mentre un esemplare in natura raggiunge al massimo i 4 o 5 chili di peso, gli animali in questi allevamenti raggiungono addirittura i 20 chili, ovviamente a scapito del loro benessere: problemi di vista, difficoltà nei movimenti e impossibilità a camminare dovute alle enormi pieghe in cui la pelle si distribuisce sono solo la punta dell'iceberg. A questo, infatti, bisogna aggiungere la totale privazione di libertà, che porta questi animali ad assumere atteggiamenti di autolesionismo e perfino cannibalismo nei casi più estremi. Kristo Muurima, della Ong ha visto questi lager con i suoi occhi: «Sono orribili, ha raccontato, ma quel che è peggio è che non sono l'eccezione ma la regola, questi animali sfruttati sono fonte di grande guadagno, e una sola pelle, viene venduta anche 90 euro». Le prime denunce arrivano nel 2017, un lungo percorso fatto di appelli e sensibilizzazione mondiale, le immagini che fanno il giro del mondo, una lotta contro interessi economici enormi è sempre difficile da fare. Poco o niente da allora è cambiato. La Finlandia è attualmente uno dei maggiori produttori a livello internazionale di pellicce. e in Europa gli allevamenti sono stati vietati. Ma al nord il quadro è ben diverso pèurtroppo. I metodi cruenti, disumani e anacronistici secondo quanto riportato da Oikeutta Eläimille sarebbero la norma. Pelli certificate con il marchio di lusso Saga Furs, venduto da grandi marchi della moda mondiale.

Commenti

Commenta anche tu