Dopo 28 anni di guerra giudiziaria il parco viene restituito ai residenti

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
18 Maggio Mag 2018 18 maggio 2018

L'area verde di via Chiarelli torna pubblica e sarà riqualificata

Dopo 28 anni, arriva il lieto fine per un'area verde di 10mila metri quadrati in via Chiarelli, zona Gallaratese. É tornata nella mani del Comune e può essere finalmente riqualificata. A raccontare la vicenda «che risale alla metà degli anni '80, quando l'area di proprietà privata fu resa edificabile con destinazione terziario» è l'assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran. E ricorda che da quel momento iniziò la battaglia dei cittadini per evitare la cementificazione. Un braccio di ferro durato fino all'approvazione del Piano di governo del territorio del 2010 e al suo aggiornamento nel 2012, che ridussero drasticamente le volumetrie previste traslandole in un'area già edificata vicino alla metropolitana di Lampugnano. Parallelamente, i diritti volumetrici furono rilevati da Visconti Immobiliare che, «alla luce dell'attaccamento del quartiere all'area verde, si è resa disponibile, attraverso lo strumento urbanistico di pianificazione, a formalizzarne la cessione al Comune». Maran ringrazia quindi la società Visconti per «averci consentito di restituire quest'area alla fruizione dei cittadini e per i successivi interventi di manutenzione che effettuerà. Questa battaglia decennale dimostra come il verde sia sempre più percepito come un elemento fondamentale per la qualità della vita nei quartieri. È un risultato ottenuto principalmente grazie alla determinazione del consiglio di Municipio». Dopo la rimozione delle cesate di lamiera sarà avviata un'attività di pulizia dell'area, potatura degli alberi, sistemazione dell'erba e saranno posate alcune panchine. L'obiettivo, una volta che l'area diventerà formalmente del Comune, è quello di procedere con una progettazione partecipata per rendere il parco che completa la spina verde del Gallaratese più bello e vivibile.

Soddisfatti il presidente Simone Zambelli e l'assessore al Verde del Municipio 8 Enrico Fedrighini: «La vicenda dimostra un attaccamento straordinario degli abitanti al territorio e come dal basso possano nascere risultati importanti per tutta la città».

Commenti

Commenta anche tu