I "ragazzi di Google"? Più depressi e più isolati

I ragazzi di Google? Più depressi e più isolati
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
18 Maggio Mag 2018 18 maggio 2018

Una volta la gioventù era un periodo di «struggimento», oggi spesso di comportamenti deviati

Mai come di questi tempi l'adolescenza è tornata sotto i riflettori: non si tratta più di quello «struggimento» esistenziale raccontato in tanti romanzi e film di non trovarsi al posto giusto nel mondo tipico dell'universo di quell'età - ma di un fenomeno che sta vivendo sempre più la propria deriva: comportamenti deviati - la perdita di coscienza attraverso l'abuso di alcool e di droghe, violenza, bullismo - che non riguardano più soltanto i «ragazzi di vita» descritti da Pasolini. Non si tratta più soltanto dei figli delle classi più disagiate, anzi: spesso sono i ragazzi della borghesia, anche per colpa di una realtà sempre più (im)mediata da modelli televisivi e vite quasi unicamente da esporre sui social network, a essere al centro del disagio.

Claudio Mencacci psichiatra, per anni Presidente della Società di Psichiatria, che oggi dirige il Dipartimento di Salute Mentale e Neuroscienze all'ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano - racconta l'adolescenza di una generazione che sembra non aver più nulla di generazionale: Mencacci, insieme con lo psichiatra Giovanni Migliarese, ha da poco pubblicato un libro sull'argomento: Quando tutto cambia. La salute mentale in adolescenza (Pacini editore, pagg. 244, euro 18). Con interventi di psichiatri impegnati da anni su questo fronte - Giancarlo Cerveri, Chiara di Genova, Filippo Dragogna, Camilla Gesi, Anna Omboni, Yacob Reibman, Virginio Salvi e Viviana Venturi - questo saggio affronta tutti i temi più scottanti relativi a questa età cruciale. E ogni capitolo è introdotto da citazioni letterarie che permettono subito di inquadrare l'argomento: da Proust a Philip Dick, da Italo Calvino a Francis Scott Fitgerald queste epigrafi consentono al lettore di esplorare un saggio che ha il raro merito di coniugare a un rigore altamente scientifico una prosa accessibile a tutti i lettori.

Mencacci e i coautori non si nascondono dietro un facile accademismo, ma riescono a scrivere un libro sia per i genitori, che per i ragazzi che per altri studiosi. Compito non facile anche perché anche attraverso studi internazionali analizzano come negli ultimi quarant'anni documentati da un'ampia bibliografia che chiude il volume - il comportamento degli adolescenti oggi sia drasticamente cambiato: più isolati, più depressi e molto meno inseriti a scuola o al lavoro. «Dall'età di Google che sta cambiando il nostro cervello» (da notare: sia dei più giovani che dei genitori) ai disturbi del sonno ad altre malattie correlate. Una lettura davvero consigliata a tutti perché, come ha scritto Philip Roth «Si è giovani una volta sola, ma si può essere immaturi per sempre».

Commenti

Commenta anche tu