Investire in orologi vintage per ritrovarsi un tesoretto

18 Maggio Mag 2018 9 giorni fa

I consigli della casa d'aste Meeting Art per scegliere i modelli più accessibili. Ecco le tendenze di successo

Viviana Persiani

Il mercato degli orologi, strumento di investimento che ha prodotto negli anni cospicui profitti, è in continua evoluzione. L'orologio piace, e chi ha iniziato per pura passione, oggi si trova un tesoretto.

Carola Casazza, vice presidente dipartimento orologi della casa delle aste Meeting Art, offre consigli preziosi ai collezionisti.

«Il mercato da polso è esploso in tutto il mondo - spiega - I modelli più gettonati di Rolex e Patek Philippe, in primis, sono pari agli artisti internazionali. Un orologio vintage è come pezzo unico d'arte per il suo stato di conservazione; solo lui avrà quella patina sul quadrante, quel segno, quella dedica incisa che lo rendono unico. Per tale motivo, i rari modelli vintage non hanno un limite di prezzo. Alcuni Rolex o Patek Philippe - aggiunge - oggi sono alla portata di pochi. Per questo consiglio di investire in modelli vintage di Omega, Longines, Universal, Zenith, esteticamente molto appaganti e a prezzi ancora ragionevoli. Oggi il mito del Daytona ha fatto sì che si organizzino vendite solo di questo modello. Non condivido! Sarà proficuo per la casa d'asta, ma è come buttar benzina sul fuoco e alimentare il mercato solo di questo modello che non ha bisogno di pubblicità. Il mercato degli orologi vintage ha un panorama di modelli storici ed è compito della casa d'asta, pur cercando di seguire le tendenze, di offrire una vendita completa». Meeting Art offre un catalogo internazionale dove il collezionista trova dall'orologio da collezione al buon secondo polso, dai tasca ai modelli gioiello da signora, fornendo, a chi non può partecipare all'esposizione, dettagli tecnici, di conservazione e foto: consigli preziosi, strumenti per valutarne l'acquisto.

«Meeting Art - continua Casazza - garantisce oltre l'originalità, il funzionamento dell'orologio. In passato l'asta era considerata visto e piaciuto. Noi rispondiamo dei lotti presentati in catalogo e oggi, con un mercato così globalizzato, ancora di più bisogna garantire l'acquirente. Tra l'altro, Meeting Art offre dei servizi come la dilazione di pagamento per i compratori o un anticipato senza interessi per i venditori che non ha eguali».

Meeting Art vanta anche un calendario fitto di appuntamenti. Chi si affida alla casa accorcia così i tempi canonici degli affidamenti per le vendite all'asta.

«Ho iniziato questo percorso nel 1987 e, con orgoglio, posso dire che, oggi, siamo nell'orologeria un punto di riferimento nel mercato italiano. Negli anni '90, un orologio con quadrante ristampato raggiungeva un prezzo più alto perché bello, pulito, nuovo rispetto a un quadrante originale, ma fanè. Oggi, un orologio con quadrante ristampato non viene considerato dal collezionista neanche a un decimo del valore e una cassa pesantemente lucidata negli anni ne compromette la vendita. Puntate su orologi di qualità nel miglior stato di conservazione, avendo come riferimento strutture consolidate sul mercato, competenti e affidabili, così la vostra passione si trasformerà in un good deal. Il prossimo anno - conclude - Meeting Art festeggerà i suoi primi 40 anni; non scriveremo un libro, ma, chissà: forse, faremo un catalogo da record. Intanto segnalo l'asta 845 di sabato 19 e domenica 20, sabato 26 e domenica 27 Maggio, presso Palazzo Meeting Art, con una scelta di 400 orologi».

Per info: www.meetingart.it

Commenti

Commenta anche tu