Islamici, atei, buddisti: ora la giunta pensa alle "stanze dei culti"

Islamici, atei, buddisti: ora la giunta pensa alle stanze dei culti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
18 Maggio Mag 2018 18 maggio 2018

Spazi in centro aperti a tutte le religioni Lipparini: a disposizione per riti e preghiere

Spazi pubblici (anche in centro) aperti alle più svariate religioni, dove laici, buddisti, islamici possono concedersi un momento di raccoglimento o celebrare battesimi, matrimoni, la morte di una persona cara. Anche Milano sta pensando di aprire delle «Stanze del silenzio o dei culti» in città come a Torino o Bologna. Esistono già delle sale del commiato a Lambrate o al Maggiore, dove si possono trattenere i parenti di defunti che hanno preferito il funerale laico, ma «sono spazi dedicati solo all'ambito della morte e all'interno di cimiteri, oltretutto stiamo pensando a un riallestimento ma tutti momenti importanti delle persone hanno bisogno di essere ritualizzati e ci vogliono spazi adeguati in città» spiega l'assessore alla Trasparenza Lorenzo Lipparini. Ieri in Sala Alessi a Palazzo Marino ha fatto da padrone di casa all'incontro dedicato alla «Stanze dei silenzio e/o dei culti come momento di integrazione tra istituzioni e comunità» promosso dalla Società per la cremazione di Milano (Socrem) e il Gruppo nazionale di lavoro per la stanza dei culti nato due anni fa e con 120 soci (accademici, ricercatori, professori ordinari e giuristi che in realtà coinvolgono anche le loro associazioni). La stanza del silenzio, come spiegano i coordinatori del progetto, è un luogo di raccoglimento e di riflessione, non connotato da simboli religiosi e quindi prevalentemente laico. La stanza dei culti invece è progettata per essere un luogo aperto e accogliere le più svariate religioni. In genere si costituisce grazie all'accordo tra le varie confessioni che ne usufruiranno. I simboli, anche in questo caso, non vengono esibiti, però sono messi a disposizione di quanti li richiedono e servono spazi dedicati dove conservarli. «Bisogna fare una fotografia attenta dei cittadini oggi e lavorare in modo cooperativo per rispondere alle esigenze di una società multiculturale e secolarizzata» afferma l'assessore radicale. Milano «dovrebbe potenziare le cappelle interreligiose e aconfessionali esistenti e procedere nel percorso per portare sale del commiato in cimiteri e ospedali e stanze del silenzio, luoghi dell'interiorità profonda, in carceri, stazioni e aeroporti attraverso protocolli di intesa e patti di collaborazione con quei soggetti interessati alla loro creazione e gestione». Fa presente che «bisogna prestare attenzione soprattutto ai singoli cittadini che magari non hanno neanche alle spalle dei gruppi organizzati» - chi non frequenta ad esempio centri islamici o buddisti - «e oggi non saprebbero a chi rivolgersi per celebrare un matrimonio o un battesimo». Sottolinea che per sviluppare percorsi di questo tipo sarebbe importante la collaborazione con le varie comunità religiose. Porta ad esempio Torino, dove «israeliani e palestinesi condividono un immobile industriale dismesso, magari in futuro si riuscirà a fare anche qui». Intanto Lipparini ragiona sulle ipotesi concrete con il vicesindaco Anna Scavuzzo e l'assessore ai Servizi funebri Roberta Cocco. «Non abbiamo ancora ipotizzato spazi precisi, ci arriveremo a valle - spiega ancora Lipparini - ma le stanze dei culti si potrebbero inserire nel progetto di amministrazione condivisa che portiamo avanti da anni: cittadini e associazioni si prendono in carico beni del Comune che necessitano di lavori di manutenzione e poi li gestiscono insieme, non punta sull'uso esclusivo da parte di una comunità ma sulla collaborazione. Diverse entità potrebbero unirsi e cogestire spazi dedicati ai riti e alla spiritualità». Insiste: «Non ipotizziamo di costruire immobili nuovi ma di dotare gli spazi che già abbiamo a disposizione».

Commenti

Commenta anche tu