Texas, sparatoria in scuola superiore a Santa Fe

Texas, sparatoria in scuola superiore a Santa Fe
18 Maggio Mag 2018 18 maggio 2018

L'attentatore è stato fermato dalla polizia. Diversi feriti sono stati portati all'ospedale. Un testimone: "È entrato in classe e ha iniziato a sparare"

Sparatoria in una scuola superiore di Santa Fe, vicino a Houston in Texas. Almeno otto persone sono morte. La scuola ha fatto sapere di aver dichiarato lo stato di lockdown, mentre testimoni hanno raccontato a Cnn di aver visto un uomo armato entrare in una classe e iniziare a sparare. L'autore della sparatoria è uno studente ed è ora sotto custodia della polizia. Lo sceriffo locale ha confermato che una seconda persona è stata arrestata. Il bilancio provvisorio è di almeno 8 morti e diversi feriti, sempre secondo quanto riportato dal canale televisivo.

La polizia è intervenuta per rispondere alla chiamata. Diversi feriti sono stati portati in ospedale nella vicina cittadina di Galveston, ma ancora non si hanno notizie sul numero o su possibili vittime. (GUARDA IL VIDEO)

In un'intervista telefonica con l'emittente televisiva di Houston Ktrk, uno studente ha raccontato "che un uomo armato è entrato in classe durante una lezione di arte e ha cominciato a sparare". Il testimone dice di avere anche visto una "ragazza ferita alla gamba". Altri studenti hanno raccontato alla Cnn di aver visto un uomo armato aprire il fuoco: "C'era sangue ovunque", ha detto una ragazza. La scuola ha da poco confermato che ci sono dei feriti: "Questa mattina nella scuola superiore si è verificato un incidente che ha coinvolto un individuo armato. La situazione è attiva, ma è stata contenuta". Il killer fermato dalla polizia è Dimitrios Pagourtzis, studente 17enne. Il ragazzo, ora in arresto, ero un giocatore di football della squadra del liceo. Nella mattina ha ucciso almeno dieci persone: nove studenti e un professore. Sui social viene condivisa la foto di una maglietta, nera con la scritta born to kill (nato per uccidere), che aveva comprato nei giorni scorsi.

Correlati

Commenti

Commenta anche tu