Luce, il futuro è tech fra cultura e progetto di qualità

Luce, il futuro è tech fra cultura e progetto di qualità
24 Maggio Mag 2018 24 maggio 2018

Al congresso nazionale di Aidi approfonditi i temi dell' innovazione tecnologica e di progetto, dell’illuminazione artistica e museale, dei luoghi pubblici e dei modelli di Smart City. Premiati i giovani videomaker del concorso internazionale “Riprenditi la città, Riprendi la luce”

Il futuro dell’illuminazione e le nuove tecnologie, l’importanza della formazione, della ricerca e della progettazione per creare una “luce di qualità” sono alcuni degli argomenti affrontati al Congresso nazionale di Aidi, l’Associazione Italiana di Illuminazione che si è svolto a Roma nei giorni scorsi all’Auditorium del Maxxi, il museo delle arti del XXI secolo.

Il congresso è stato un’occasione importante per approfondire, con i principali protagonisti del settore - progettisti, lighting designer, docenti universitari, centri di ricerca, istituzioni, aziende e utility -, le tematiche più importanti legate al mondo della luce. In particolare sono stati affrontati, attraverso sessioni e poster, tavole rotonde e dibattiti, tutti gli aspetti legati all’innovazione tecnologica e di progetto, all’illuminazione artistica e museale, a quella dei luoghi pubblici e della rivoluzione culturale e tecnologica che è in atto con i modelli di Smart City. Oltre 40 i relatori intervenuti tra professionisti, aziende, utility e docenti.

“Le nuove tecnologie – spiega Margherita Suss, presidente di Aidi – consentono di progettare una luce efficace, dinamica, flessibile e adattabile, e hanno determinato una radicale trasformazione del settore dell’illuminazione che richiede sempre di più una diffusione estesa e capillare della cultura della luce e della progettazione. Grazie al lavoro di un comitato scientifico composto da professionisti e autorevoli esponenti di università è stato realizzato un congresso con un programma molto interessante e composito dove sono presenti tutti i protagonisti del settore e dal quale è emerso un sistema luce molto importante per promuovere la cultura della luce che è la mission principale di Aidi fin dal 1959, anno della sua fondazione”.

Tre sono state le sessioni tematiche affrontate. “La luce nell’illuminazione dei beni artistici e architettonici”, ha approfondito l’importanza di un corretto utilizzo negli ambienti artistici e architettonici che sono “visibili” grazie alla luce, materia viva che diventa parte integrante della progettazione. Un suo utilizzo sbagliato, infatti, può anche compromettere il rapporto tra il fruitore e l’opera, definendo un significato espressivo e comunicativo dell’oggetto artistico difforme da quello reale voluto dall’artista.

L’illuminazione nelle Smart City” ha approfondito il tema della progettazione urbana di “qualità”. Oggi l’illuminazione pubblica è protagonista di una rivoluzione tecnologica e culturale senza precedenti. Nascono le smart city, le città intelligenti, un modello urbano che risponde perfettamente alle esigenze dei suoi cittadini, dove la luce diventa la prima infrastruttura dello sviluppo e fornitura di nuovi servizi considerati sempre più imprescindibili, come la connettività e il telecontrollo.

Nuove frontiere nell’illuminazione: innovazione tecnologica e di progetto” ha avuto al centro l’ evoluzione della tecnologia Led che ha influenzato in maniera significativa il mercato e l’offerta dei prodotti. In questa sessione sono stati afftontati i temi legati ai nuovi ambiti applicativi dell’illuminazione e alle nuove possibilità di costruzione e progettazione.

PREMIATI I GIOVANI VIDEOMAKER DI "RIPRENDITI LA CITTÀ, RIPRENDI LA LUCE"

Durante il congresso si è svolta anche la cerimonia di premiazione della quinta edizione del concorso video edizione del concorso video internazionale “Riprenditi la città, Riprendi la luce”, rassegna di cortometraggi organizzata da organizzata e promossa da Aidi.

Due le categorie, under 18 e under 30, impegnati in tre diverse sezioni, che hanno raccontato la luce nell’ambito di tre diverse sezioni tematiche: Luce e Arte, Luce e Luoghi, Luce e Parole. Inoltre, tra i premi speciali è stato inserito Luce e Fotografia, dedicato a far emergere l’importanza della luce nella fotografia e nelle immagini. Tanti i giovani che anche quest’anno hanno risposto con entusiasmo: oltre 120 video, più di 200.000 visualizzazioni sul canale YouTube dedicato, di cui 10.000 solo per i video dell’ultima edizione, e oltre 2.000 like su facebook sono solo alcuni numeri di questa edizione del concorso che confermano il grande successo dell’iniziativa.
Questi i vincitori.

Categoria Under 18

Luce e Arte: “Dancing light” di Fabio Facchini
Luce e Luoghi: “La lomoj de la urbo” di Giorgia Nguyen
Luce e Parole: “Pure Light” di Vlada Maria Gaina

Categoria Under 30

Luce e Arte: “Corpo di luce” di Paola Ortolani
Luce e Luoghi: “Deus ex fabrica” di Giulia Grotto
Luce e Parole “Le parole sono luce” di Gabriele Scarcelli

Premi speciali
Luce e Fotografia: “Sorrisi a Led” di Giorgio Ghiotto
Premio speciale della giuria: “Disegno di luce – φωτογραφία" di Diego Valanzise e Massimo De Laurentiis

Tutti i video sono pubblicati sul sito www.riprenditilacitta.it e sono visibili sul canale YouTube dedicato all’iniziativa. Facebook.com/concorsovideoriprenditilacitta - Twitter.com/concorsoaidi

Tags

Commenti

Commenta anche tu