Gf, la rivelazione choc del Ken italiano: "Mentre ero nella Casa mi hanno derubato, mi hanno svuotato il conto"

Gf, la rivelazione choc del Ken italiano: Mentre ero nella Casa mi hanno derubato, mi hanno svuotato il conto
12 Giugno Giu 2018 7 giorni fa

Angelo Sanzio ha rivelato di aver scoperto, per caso, che mentre era nella casa del Gf Nip qualcuno si è impossessato del suo bancomat e gli ha prosciugato il conto: "Avevo tutto nella cassaforte dello staff"

A una settimana di distanza dalla fine del Gf Nip, Angelo Sanzio, conosciuto al grande pubblico come il Ken italiano ha fatto una rivelazione choc: "Quando ero nella Casa mi hanno svuotato il conto".

A rivelarlo è Leggo.it. Il sito scrive che mentre Angelo Sanzio era chiuso nella casa di Cinecittà sono stati fatto prelievi continui dal suo conto per un totale di 1440 euro. Come ha spiegato il Ken italiano, al momento dell'entrata al Gf Nip ha lasciato tutti gli effetti personali alla produzione Endemol Italia: telefonino, documenti, portafoglio, denaro e il bancomat. Ed è proprio con il bancomat che il suo conto è stato svuotato.

"Prima di entrare nella Casa del Gf - ha raccontato il Ken italiano - i concorrenti vengono portati per 4 giorni in hotel e affidati ad una persona che prende tutti gli effetti personali, sigillandoli in una busta gialla. Ho lasciato anche le mie carte di credito, convinto che venissero custodite in cassaforte". E così è stato, ma in mezzo deve esserci stato un intoppo.

Come scrive Leggo.it, infatti, tra il 15 aprile ed il 22 maggio 2018 (giorno dell'eliminazione dal programma) sono stati effettuati prelievi continuati per un totale di 1400 euro. Angelo Sanzio ha fatto la terribile scoperta per caso. Mentre era in un negozio per fare degli acquisti, voleva pagare con il bancomat, ma gli è stato respinto. Così l'ex concorrente del Gf ha chiamato la banca e ha fatto l'amara scoperta: "Signore, ma lei sul conto ha solo 3,90 auro, cosa vuole da noi?". Da qui Angelo ha iniziato a insospettirsi, ha stampato l'estratto conto e ha notato l'anomalia: i prelevamenti sono avvenuti mentre lui era nella Casa.

Ora i carabinieri che stanno seguendo il caso dovranno analizzare tutti i filmanti degli sportelli dove sono avvenuti i prelievi col bancomat del ragazzo e provare a dare l'identità al ladro. Angelo ha subito avvertito la produzione che si è detta sconvolta per l'accaduto. Insieme, infatti, stanno cercando di ricostruire cosa è successo perché "la cassaforte che custodisce gli effetti personali non è accessibile nemmeno agli addetti ai lavori".


Tags

Commenti

Commenta anche tu