«Un risultato storico Ora finiamo l'opera»

12 Giugno Giu 2018 12 giugno 2018

A Cinisello il leghista avanti di 5 punti «Questo è un voto per il cambiamento»

Sembra il film già visto un anno fa a Sesto San Giovanni, con il candidato del centrodestra sorprendentemente davanti alla sindaca uscente del Pd e vittorioso al ballottaggio con il 60% delle preferenze. Anche a Cinisello Balsamo la sinistra governa ininterrottamente dal dopoguerra e Giacomo Ghilardi, 32 anni, già capogruppo della Lega in consiglio potrebbe scrivere lo stesso finale.

Al primo turno ha incassato il 45,94%, alla sindaca uscente Siria Trezzi tocca inseguirla, è indietro di quasi 5 punti. Se lo aspettava?

«Non mi sono ancora ripreso, è un risultato storico. La gente ha votato per il cambiamento, ce l'ha dimostrato e ora affronteremo il ballottaggio con la consapevolezza che quasi il 60% dei cinisellesi, sommando il mio dato con quello dei 5 Stelle e della quarta lista, ha detto basta sinistra».

É un voto che boccia davvero la Trezzi o ha pesato l'aria nazionale come sostengono i colonnelli Pd?

«Dove le giunte di centrosinistra hanno fatto comunque un buon lavoro, come a Brescia, i sindaci uscenti hanno mantenuto la posizione. Qui sono arrivati dietro al centrodestra ed evidentemente i cittadini hanno giudicato l'operato sul territorio, la delusione d'altra parte si sentiva».

La lista civica «La tua città» ha incassato quasi l'8% dei voti, ha dato un contributo importante per chiudere così avanti al primo turno.

«L'alleanza con le due liste civiche è stata fondamentale per catturare un elettorato non partitico».

Ora si riparte con la campagna per il ballottaggio, su quali temi si concentrerà?

«Si torna subito in pista per cercare di ottenere quel cambiamento epocale che proponiamo da mesi. Cinisello ha bisogno di un sindaco che esca dal palazzo e sia davvero vicino alle esigenze delle persone, che le ascolti. La sicurezza, con la proposta di rendere il servizio dei vigili h24, sarà una delle priorità insieme a soluzioni per una migliore viabilità».

L'affluenza è stata sotto il 50%, il 24 giugno riuscirà a riportare la gente alle urne?

«La gente si è talmente disaffezionata alla politica locale ma cercheremo di andare a guadagnare la fiducia di chi è rimasto a casa».

ChiCa

Commenti

Commenta anche tu