Di Maio va alla Camera e sbaglia (di nuovo) il congiuntivo

Di Maio va alla Camera e sbaglia (di nuovo) il congiuntivo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

Luigi Di Maio alla Camera per una informativa urgente sbaglia il congiuntivo. Poi si scusa con i deputati: "È l'emozione..."

Di Maio inciampa ancora sul congiuntivo. Non c'è pace tra il ministro del Lavoro e la grammatica italiana. Questa volta, però, lo scivolone non è avvenuto in un post su Facebook o durante una diretta televisiva. Ma al primo intervento ufficiale da ministro alla Camera.

Durante una informativa urgente sugli incidenti sul lavoro, il capo politico del M5S è caduto su un imbarazzante errore (che non è sfuggito ai più). "La piccola e media impresa italiana - ha detto Di Maio di fronte agli onorevoli - dell'imprenditore che è anche un po' dipendente perché lavora in azienda, e del dipendente che si sente anche un po' imprenditore. Perché altrimenti i miracoli che hanno fatto col made in Italy in tutto il mondo in questi anni non li avrebbero mai raggiunti se...". E qui il vicepremier si è interrotto. Balbettando per qualche secondo, Di Maio sembrava cercare la coniugazione giusta del verbo. Ma dopo qualche secondo di imbarazzo, la scelta è caduta sul tempo verbale sbagliato. "Non li avrebbero raggiunti - ha quindi detto il grillino - se non ci sarebbero stati varie situazioni come questa".

Poi, accortosi dell'errore, si è scusato con i deputati e ha corretto la frase. "Scusate, l'emozione" (guarda qui il video).

Tags

Commenti

Commenta anche tu