"Giardini Oriana Fallaci": l'omaggio alla scrittrice

Giardini Oriana Fallaci: l'omaggio alla scrittrice
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

La giunta comunale di Sesto San Giovanni ha deliberato l'intitolazione a Oriana Fallaci dei giardinetti pubblici posti tra le vie Italia, Guerra e Manzoni.

Una targa in omaggio alla giornalista scrittrice fiorentina che nei suoi ultimi anni di vita ha diviso soprattutto a causa dei suoi interventi relativi ai rapporti con l'Islam. Un omaggio che già le è stato tributato da tante altre città ma che a Sesto ha sfumature particolari. «Abbiamo voluto intitolare quest'area della nostra città alla Fallaci- ha spiegato Roberto Di Stefano, Sindaco di Sesto San Giovanni - per ricordare una grandissima giornalista e scrittrice italiana. Oriana Fallaci ha onorato il nostro Paese con i suoi libri e i suoi reportage. E' stata inoltre lungimirante nel descrivere, in contrasto con il buonismo imperante, la minaccia del fondamentalismo islamico e la debolezza dell'Occidente nell'approccio verso gli estremisti. Ha difeso, con tutta la forza e passione che aveva , i nostri valori, le nostre tradizioni, la nostra cultura, la nostra identità. Rappresenta una figura imprescindibile, con le sue idee, le sue critiche e le sue prese di posizione, costantemente attuale in un'epoca di pericoli terroristici». «Per questo è' un onore poter dare uno spazio nella nostra città a una donna che ha dimostrato grande coraggio nella sua professione e nella sua vita- ha continuato il sindaco di Sesto- La Fallaci è stata una grande protagonista, dalle interviste ai grandi della Terra fino alle inchieste sui campi di guerra, della storia recente e per questo abbiamo voluto intitolarle un'area verde in città».

Una svolta per Sesto. Una svolta per una città che è sempre stata una roccaforte della sinistra e storicamente non sulle posizioni di questa giornalista sempre in contrasto con il buonismo imperante, tra le prime a denunciare la minaccia del fondamentalismo islamico, il rischi di una colonizzazione culturale e la debolezza dell'Occidente nell'approccio verso l'estremismo. Cultura, tradizione e valori difesi sempre con una passione totale che ne hanno fatto un esempio da amare incondizionatamente oppure da avversare.

Commenti

Commenta anche tu