Il Giappone abbassa la maggiore età a 18 anni

Il Giappone abbassa la maggiore età a 18 anni
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

Il Paese del Sol Levante dopo 142 anni ha deciso di revisionare il codice civile

Il governo giapponese ha fatto passare una proposta di legge che prevede l'abbassamento della maggiore età da 20 a 18 anni, lasciando invariato il limite legale per l'assunzione di bevande alcoliche.

Il cambiamento, che sarà il primo di questo genere in 142 anni, permetterà ai 18enni di richiedere carte di credito e prestiti, di poter fare richiesta del passaporto che avrà la durata di 10 anni e di potersi sposare senza il permesso dei genitori.

Al momento, ai ragazzi 18enni e alle ragazze 16enni è consentito sposarsi solo con il loro consenso. Questa revisione del codice civile sarà effettiva da aprile 2022 e non modificherà l'età legale per l'assunzione di alcool, per poter fumare o scommettere.

Il calo delle nascite e l'aumento dell'aspettativa di vita in Giappone ha portato ad un invecchiamento notevole e ad una riduzione della popolazione. Secondo il Ministro della salute giapponese gli abitanti raggiungeranno, entro il 2060, la cifra di 86.74 milioni contro i 126.26 milioni di oggi.

"Visto l'invecchiamento della popolazione e la crescita del debito pubblico, è necessario per i giovani l'aumento delle tasse. Abbassare la maggiore età potrebbe essere un modo per convincerli di avere voce in capitolo e ad avere interesse nella società ", ha dichiarato Jeff Kingston, direttore di studi asiatici presso la Temple University di Tokyo.

Nel 2015 il governo giapponse aveva abbassato l'età per votare da 20 a 18 anni. Questa mossa indicava il tentativo del governo di rendere i giovani consapevoli delle loro responsabilità.

Yonaha Eiko, ricercatore alla Meio University di Okinawa, ha riferito alla stampa che questa riduzione della maggiore età potrebbe essere una mossa politica. "Il primo ministro Shinzo Abe vuole revisionare la costituzione, ma per farlo ha bisogno della maggioranza di sì al referendum", ha dichiarato Yonaha.

Abe ha sempre mostrato l'interesse di revisionare la costituzione pacifista del Paese che prevede la rinuncia alla guerra del Giappone e di non disporre di forze militari via aria, terra o mare per scopi non difensivi.

Il ricercatore teme che i giovani adulti non siano abbastanza maturi per considerare le implicazioni politiche dei loro voti e che possano essere facilmente influenzati dall'agenda di governo.

Su twitter, comunque, gli utenti appaiono maggiormente precoccupati per gli effetti che tale revisione avrà sul "Coming of Age day", ovvero il giorno di festività in cui i giovani celebrano il raggiungimento della maggiore età indossando kimono tradizionali. "Tutto è davvero costoso quando sei un 18enne, sarà impossibile potersi permettere un kimono", si è lamentato un utente su twitter.

[[youtube -TJjpegieAg]]

Tags

Commenti

Commenta anche tu