"Mai offerte case a Maran, me l'avrebbe riferito"

Mai offerte case a Maran, me l'avrebbe riferito
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

L'assessore avrebbe rifiutato un alloggio dicendo che "qui non si usa": Sala smentisce i fatti

«Uno juventino onesto..» scherza su Facebook il delegato per le periferie del sindaco Mirko Mazzali volendo fare i complimenti (seri) all'assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran. Nell'ordinanza che ha portato ieri all'arresto di nove persone nell'ambito dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma è scritto che due uomini dell'imprenditore Parnasi cercarono di esportare il modello di corruzione anche a Milano.

Il gruppo avrebbe tentato di corrompere Maran proponendogli una casa, offerta che l'assessore rifiutò sdegnosamente. In una intercettazione i due uomini affermano: «Siamo andati a fare proprio una figura di m., sembravamo i romani dei film quando vanno a Milano. Gli abbiamo proposto un appartamento ma lui ha risposto di no, che qui non si usa e che lui non voleva prendere in giro chi lo ha votato». Sul web c'è anche chi domanda come mai l'assessore non abbia denunciato il fatto. Ma è il sindaco Beppe Sala ieri sera prima del taglio del nastro della Torre Allianz a Citylife a riferire che in buona sostanza il fatto non sussiste: «Ho chiesto a Maran ma dice che in realtà non c'è stata nessuna offerta, sarebbe uscito bene comunque ma non c'è stata». E sottolinea che «i miei assessori sanno che di fronte a cose del genere la prima cosa che devono fare è venire a parlarne con me, e non mi aveva mai detto niente, quindi sono assolutamente tranquillo». Ricorda che il gruppo Parnasi «come è notorio qui stava lavorando sull'ipotesi dello stadio per il Milan, anche se mi pare che la discussione sia ancora in uno stato di discussione molto molto da definire». E Sala ripete di essere «molto tranquillo» e di aver visto «anche Maran altrettanto tranquillo».

Il vicecapogruppo di Forza Italia Alessandro De Chirico rivolge «un applauso e un ringraziamento a Maran se è vero come si legge che Parnasi tentò di corromperlo e lui respinse sdegnato l'offerta» ma lunedì prossimo gli chiederà «per quanto possibile di riferire circa questo riprovevole episodio in aula o in una seduta a porte chiuse della Commissione Antimafia».

Commenti

Commenta anche tu