Mondiale 2018, ecco le cinque favorite per la conquista della Coppa

Mondiale 2018, ecco le cinque favorite per la conquista della Coppa
14 Giugno Giu 2018 5 giorni fa

Mondiale 2018, la Germania campione in carica dovrà difendersi dagli attacchi di quattro nazionali agguerrite come Francia, Spagna, Brasile e Argentina che vogliono laurearsi campioni del mondo

Il Mondiale in Russia sta per prendere il via e tutti sono in fermento per l’evento più importante e più seguito dai tanti appassionati per il calcio in giro per il Mondo. L’Italia, purtroppo, non ci sarà ma anche se ci fosse stata non sarebbe di sicuro stata considerata tra le favorite. Di certo c’è che la Germania di Joachim Loew, campione del mondo in carica, dovrà difendere il titolo dagli attacchi di nazionali agguerrite e vogliose di trionfare come il Brasile, pentacampione, di Tite che punterà a riscattarsi e a vendicarsi del 7-1 subito dai tedeschi in semifinale nel 2014. I brasiliani sono arrivati al Mondiale in Russia stravincendo il girone sudamericano ed hanno la giusta fame per vincere il sesto Mondiale nella loro storia staccando così l’Italia ferma a quattro sigilli.

Un’altra grande favorita è sicuramente la Spagna di Lopetegui che ha la giusta classe ed esperienza per puntare al titolo. La difesa impenetrabile composta da Sergio Ramos e Piquè, il centrocampo tutta qualità e l’attacco sempre pericoloso mettono le Furie Rosse tra le candidate alla vittoria finale. Con loro ci sono anche naturalmente la Francia di Didier Deschamps, sconfitta agli Europei di casa in finale dal Portogallo di Cristiano Ronaldo, che ha la giusta classe, vedi Pogba e Griezmann, per arrivare fino in fondo. Infine, tra le favorite c’è anche l’Argentina di Jorge Sampaoli vice campione del mondo in carica: Messi vorrà togliersi di dosso l’etichetta di eterno perdente con la maglia della nazionale e se vorrà essere ricordato dal suo paese come un eroe dovrà alzare il suo livello di gioco con l'Albiceleste anche se i suoi compagni dovranno dargli una grossa mano per riportare la coppa in Argentina a distanza di 32 anni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu