Mondiale 2018, tra favorite e sorprese: ecco le possibili rivelazioni

Mondiale 2018, tra favorite e sorprese: ecco le possibili rivelazioni
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

Ci sono diverse nazionali che puntano ad essere la vera rivelazione del Mondiale 2018: dall'Islanda, alla Serbia, fino ad arrivare alla Russia padrona di casa

Il Mondiale, come sempre, può rappresentare mille insidie per le nazionali date per favorite sulla carta per via del blasone e per via della caratura internazionale dei loro giocatori. La Russia, paese ospitante della manifestazione, è stata inserita in un gruppo impegnativo ma quantomeno fattibile anche perché il pubblico di casa sarà presente in maniera massiccia e inciterà e non poco la nazionale di. I russi si giocheranno la qualificazione contro Uruguay e Egitto, l’Arabia Saudita, invece, sembra la nazionale cuscinetto del girone A. La Russia potrà puntare ad arrivare almeno agli ottavi di finale e con loro anche l’Egitto di Hector Cuper, a patto che recuperi al 100% il top player Mohamed Salah.

Ci sono poi altre nazionali che hanno il talento, l’estro e la fisicità per poter essere delle vere e proprie outsider della competizione. A partire dalla Colombia di James Rodriguez, Radamel Falcao e Juan Cuadrado fino ad arrivare all’Islanda che ha vinto brillantemente il suo girone di qualificazione mettendosi alle spalle la più quotata Croazia ma anche nazionali come Ucraina e Turchia, più abituate a giocare certe competizioni rispetto agli islandesi che hanno però già incantato ad Euro 2016. Un’altra nazionale da tenere in considerazione è sicuramente la Serbia del gigante della Lazio Sergej Milinkovic-Savic che ha tutte le carte in regola per dire la sua in un girone abbordabile con Brasile, Svizzera e Costa Rica. Attenzione anche alla Nigeria, che ha vinto l’ultima edizione della Coppa d’Africa, anche se il girone dei biancoverdi è davvero di fuoco con Argentina, Croazia e Islanda. Infine, una tra Messico, Svezia e Corea del Sud si giocherà un posto agli ottavi di finale visto che il primo posto del girone sembra già assegnato alla Germania campione del mondo in carica.

Tags

Commenti

Commenta anche tu