Vibo Valentia, scoperta maxi serra di circa 90mila piante di marijuana, sette gli arresti

Vibo Valentia, scoperta maxi serra di circa 90mila piante di marijuana, sette gli arresti
14 Giugno Giu 2018 14 giugno 2018

Era una vera e propria azienda agricola munita di tutta la strumentazione necessaria per la coltivazione e la successiva distribuzione dello stupefacente e con dipendenti regolarmente pagati

Si trovava in una zona del Comune di Pizzo Calabro in provincia di Vibo Valentia la maxi piantagione di marijuana. Cifre da capogiro: 89.624 piante di varie altezza, gran parte delle quali già a fioritura e pertanto pronte per essere sottoposte alla successiva fase di essiccazione. La coltivazione era effettuata in venti serre su un terreno di oltre un ettaro.

Al momento del blitz della guardia di finanza sono state sorprese sette persone intente a coltivare parte delle piante. Si tratta di due italiani e cinque immigrati originari del Mali, della Guinea e della Costa d'Avorio. Sono stati tutti arrestati in flagranza di reato. Ora si trovano nel carcere di Vibo Valentia. Adiacente alle serre è stata trovata dalle fiamme gialle anche un'estesa area già predisposta per l'impianto di ulteriori 3mila e 200 piante, posizionate in appositi contenitori di polistirolo.

Si trattava di una vera e propria azienda agricola munita di tutta la strumentazione necessaria per la coltivazione e la successiva distribuzione dello stupefacente: teli, mezzi, utensili, un capillare ed ingegnoso sistema di irrigazione automatico, aeratori, un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, buste, bilance di precisione e ben cinque braccianti di nazionalità extraeuropea, regolarmente pagati per lo svolgimento delle mansioni loro affidate.

In prossimità della piantagione i militari hanno scoperto anche l'esistenza di una dimora rurale che, apparentemente disabitata, era in realtà adibita sia allo stoccaggio che all'essiccazione della marijuana oltre ad essere l'abitazione degli addetti ai lavori.

Tags

Commenti

Commenta anche tu