Volere è potere: allenare la forza mentale

Volere è potere: allenare la forza mentale
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
16 Giugno Giu 2018 16 giugno 2018

Come allenare il "carburante" delle nostre azioni per perseguire i propri obiettivi e raggiungere il successo

Quando decidiamo di perseguire un obiettivo o prendiamo una decisione che ci consente di cambiare la nostra esistenza il nostro alleato privilegiato è la Forza di Volontà. Essa è una sorta di “forza mentale”, il "carburante" delle nostre azioni che ci consente di raggiungere le mete che ci siamo prefissati. Essa si ciba di coraggio e consapevolezza.

La consapevolezza è una condizione necessaria ma non sufficiente per raggiungere il cambiamento desiderato. La consapevolezza senza azione non ha alcuna base, si disperde nel nulla. La nostra forza di volontà necessita di essere allenata ogni giorno. Spesso e volentieri viene meno perché si è più attratti più dal piacere immediato che dalla felicità a lungo termine. Vogliamo ottenere i risultati che desideriamo con facilità e in poco tempo ma non sempre è possibile ciò. Ci sono traguardi che prevedono fatica, sacrifici e pazienza. Diventare consapevoli di questa verità è già il primo passo per accrescere la nostra forza di volontà.

La forza di Volontà ha un potere immenso nella nostra esistenza. Ci rende responsabili, forti, coraggiosi e perseveranti. Ci rende i "fautori" del nostro destino. Siamo noi che facciamo scelte e prendiamo decisioni. Tramite esse guidiamo la nostra esistenza verso ciò che desideriamo e ciò che ci rende felici e performanti.

Ecco 7 consigli preziosi per allenarla e permetterle di diventare una costante nelle nostre azioni:

1) Stipulare un contratto con se stessi: stilare dei buoni propositi, delle regole da rispettare e delle azioni da compiere quotidianamente come se si scrivesse un contratto vero e proprio. Esso deve essere un contratto unilaterale e inviolabile;

2) Porsi degli obiettivi: stilare una lista di scopi e mete da raggiungere. Gli obiettivi devono essere specifici, non generici, misurabili ;

3) Stabilire delle scadenze: serve per imporsi un’autodisciplina e per non sprecare tempo. Quando non si definisce un tempo entro cui l’obiettivo deve essere concretizzato si tende a procrastinare e rimandare;

4) Usare la tecnica immaginativa: visualizzarsi mentre si compiono le azioni che servono per il perseguimento del proprio obiettivo. Le immagini mentali fanno acquisire forza e potere alle azioni che dovremmo compiere. Solo così la mente imparerà ad accettarle e a farle proprie;

5) Essere costanti: seguire una sorta di "routine" nel pieno rispetto del contratto stipulato con se stessi;

6) Mantieni ciò che prometti: ti consente di fare un’autoselezione delle promesse; aumenta la stima che si ha di sé e quella degli altri che imparano a fidarsi di te; serve per fare meno promesse;

7) Darsi delle ricompense: concedersi uno sfizio o un premio dopo il superamento di ogni step del proprio percorso; serve ad automotivarsi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu