Quegli stipendi Messi meglio dei vitalizi

Quegli stipendi Messi meglio dei vitalizi
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
27 Giugno Giu 2018 27 giugno 2018

Le difficoltà di molti nel trovare lavoro e gli stipendi spesso insufficienti di chi ha capacità e merito come buoni insegnanti, buoni medici, lavoratori dipendenti, spiegano il successo delle proposte per i tagli alle pensioni alte e ai vitalizi, iniziative benemerite che ottengono un facile consenso e che investono anche la sfera morale. Ma, per una specie di ipnosi collettiva, le polemiche su stipendi e pensioni non toccano il mondo dello sport, dove il merito atletico viene compensato in modo assurdo rispetto al merito intellettuale e alle capacità. Il punto di massima disistima è toccato dalla politica ma trovo inconcepibile che, senza alcuna polemica, Lionel Messi abbia un ingaggio superiore ai 20 milioni di euro all'anno per i prossimi cinque anni e che si avvii a guadagnare 39 milioni netti che corrispondono a 98.890 euro al giorno.

Di Maio si agita per i vitalizi di 5mila euro, quando Graziano Pellè li guadagna in meno di tre ore (1.800 euro all'ora). Cristiano Ronaldo ha uno stipendio annuo pari a 9.296.624,2 euro, pari a un mensile di 774.718,6 euro, pari a un settimanale di 166.011,1 euro, pari a un giornaliero di 25.470,2 euro. Balotelli si accontenta di uno stipendio di 4,5 milioni, e Buffon di soli 4 milioni. Sono cifre indiziarie, ma io non ho sentito mai nessuno agitarsi per questo insulto all'intelligenza garantito da un mercato che crea falsi miti, i cui meriti sono sicuramente eccelsi ma più per l'uso dei piedi che della testa. In quale logica è possibile che chi gioca con una palla debba guadagnare in modo così scandaloso? Ed ecco gli unici modelli per i ragazzi.

Commenti

Commenta anche tu