Una tazza di tè al giorno migliora il colesterolo e la salute del cuore

Una tazza di tè al giorno migliora il colesterolo e la salute del cuore
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
28 Giugno Giu 2018 28 giugno 2018

Bere una tazza di tè al giorno contribuisce alla buona salute del nostro cuore, ma anche a mantenere ad un giusto livello il colesterolo nel sangue; è quanto emerge da un recente studio americano

Bere una tazza di tè al giorno è un'ottima abitudine che, se seguita con costanza nel tempo, può portare tanti benefici al nostro organismo. Il tè è da sempre considerato una bevanda dotata di incredibili proprietà per la salute, in quanto è ricco di sostanze antiossidanti, aiuta a perdere peso e a bruciare grassi ed ha in generale effetti altamente positivi sul corpo umano. Proprio di recente è stato, infatti, dimostrato che l'assunzione di una tazza di tè ogni giorno contribuisce al benessere del nostro cuore, combattendo e prevenendo malattie cardiovascolari. A rivelarlo è uno studio condotto dai ricercatori della Pennsylvania State University e pubblicato sul Journal of American Heart Association.

Gli studiosi che hanno partecipato alla ricerca hanno evidenziato che l'assunzione regolare di tè diminuisce dell'8% il rischio cardiovascolare e, al tempo stesso, è in grado di rallentare la fisiologica dimuzione del colesterolo Hdl, quello considerato "buono", che si verifica in conseguenza dell'invecchiamento. Questa importante ricerca è stata condotta monitorando circa 80.182 persone della comunità di Kailun di Tangshan, in Cina, per un periodo di sei anni.

Dall'analisi dei risultati è poi emerso che il tè verde e il tè nero contengono entrambi enormi quantità di polifenoli e catechine, due importantissimi composti antiossidanti noti per la loro proprietà antinfiammatorie; tuttavia, è stato evidenziato che il tè verde sembra avere un effetto un po' più intenso rispetto a quello nero. In più, secondo i ricercatori, la relazione tra un maggiore consumo di tè e la diminuzione del colesterolo Hdl appare ben più marcata negli uomini e, in generale, nelle persone che hanno superato i sessanta anni.

Nonostante gli innovativi risultati prodotti da questo importante studio, è necessario precisare che esso presenta alcune lacune e limitazioni, dal momento che è stato condotto su dati raccolti tramite informazioni auto-riferite sul consumo mensile o settimanale da parte del consumatore stesso. Si tratta, comunque, di un risultato significativo, utile a mettere in luce e a diffondere i benefici di una gustosa e salutare tazza di tè.

Tags

Commenti

Commenta anche tu