Umano, troppo umano

Umano, troppo umano
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
29 Giugno Giu 2018 29 giugno 2018

«Le Marie intorno sembrano infuriate dal dolore - Dolore furiale. Una verso il capo - a sinistra - tende la mano aperta come per non vedere il volto del cadavere e il grido e il pianto e il singulto contraggono il suo viso, corrugano la sua fronte, il suo mento, la sua gola. L'altra con le mani tessute insieme, con i cubiti in fuori, ammantata piange disperatamente. L'altra tiene le mani su le cosce col ventre in dentro e ulula». Così, nei suoi «Taccuini», D'Annunzio descrive il «Compianto» di Niccolò dell'Arca nell'Oratorio di Santa Maria della Vita a Bologna, che visitò nel 1906. E inizia la fortuna di una delle più belle opere d'arte del mondo, conosciuta e ammirata da Michelangelo che le contrappone la sua «Pietà», che il tempo e il male non possono corrompere. Niccolò rappresenta il dolore degli uomini, e soprattutto delle donne, per la perdita di Dio. È un urlo disperato, sconvolgente, che anticipa e sovrasta «L'Urlo» di Munch e inizia una vera e propria storia del dolore che avrà in Mantegna e in Grunewald due esponenti travolgenti. Per questo appare retorico e banale definire il compianto di Niccolò dell'Arca «incredibile capolavoro» come fa l'improvvido Federico Giannini, che definisce il grande scultore «un pittore di origini pugliesi a lungo attivo a Bologna». I capolavori sono sempre credibili e aumentano la nostra consapevolezza della vita, potenziandola nell'arte. Niccolò fu in grado, come nessuno, di rappresentare l'umano. Umano, troppo umano: non incredibile.

Commenti

Commenta anche tu