Le bandiere blu del risparmio

Le bandiere blu del risparmio
6 Luglio Lug 2018 06 luglio 2018

Cosa hanno in comune la plastica, un antico borgo marinaro come Sperlonga, splendida località turistica della costa laziale, ed i risparmi degli italiani? La crescita, la sostenibilità, la capacità di creare valore.

L'Italia è il Paese del Mare, è il Paese delle imprese, è un Paese di risparmiatori. Il risparmio può alimentare le imprese, può farlo di più se si tratta di imprese sostenibili. Il risparmio, alimentando le imprese alimenta se stesso e genera un volano di positività: diventa linfa per il presente ed ancoraggio per un futuro. Bio-On è un'azienda italiana, del bolognese per la precisione. Cos'ha di particolare? Nei suoi laboratori si produce plastica che nasce dal calore di batteri amici dell'uomo. Quella plastica è immediatamente biodegradabile. Non inquina. Una rivoluzione? Molto di più. Attualmente nel mondo vengono prodotte quasi 300milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Una parte importante di questa finisce in mare, proprio quel mare che a Sperlonga è contrassegnato dalla Bandiera Blu. Il mare pulito è linfa per il turismo, per la pesca, è ricchezza per le imprese che dal mare traggono sostentamento. Bio-On, e le aziende come Bio-On, possono ridisegnare il futuro, evitare che si arrivi a confermare le previsioni nefaste che indicano che in mare si arriverà al rapporto di 1 a 1: un pezzo di plastica, per ogni pesce. Ve lo immaginate lo scempio? E i risparmi? Le imprese italiane meritano di essere premiate anche dai risparmiatori.

Bio-On e tutte le altre capaci di creare valore sono terra fertile per gli investimenti, anche per quelli dei piccoli investitori che attraverso i Pir possono trovare diversificazione e remunerazione. I risparmi cresceranno, le imprese cresceranno. E Sperlonga? La Bandiera Blu continuerà a sventolare e noi potremo continuare a godere di suoi magici tramonti. Di questo si parlerà nel corso della trasmissione Mercati Che Fare in onda, sabato alle 16.40 su TgCom24 di Mediaset.

leopoldo.gasbarro@me.com

Commenti

Commenta anche tu