La stagione degli smoothies: elisir di benessere

La stagione degli smoothies: elisir di benessere
9 Luglio Lug 2018 09 luglio 2018

Gli smoothies sono il vero tormentone di questa estate. Sono facili da preparare anche a casa. Scopriamo perché non solo le celebrities di Hollywwod ma anche i nutrizionisti li sostengono e li ritengono benefici

Ogni giorno aumenta il numero di “juice bar”, locali in cui è possibile gustare dei veri e propri elisir di benessere come smoothies, frullati, frappè e centrifugati. Fare confusione tra queste denominazioni è facile ma ognuna di queste bevande in realtà ha caratteristiche specifiche. Tutte sono accumunate dalla presenza di frutta come ingrediente principale. Mentre il frullato è più liquido perché diluito con ghiaccio e latte, lo smoothie invece è molto più denso e cremoso. Il frappè oltre a frutta e latte contiene anche gelato. Il centrifugato invece è un vero e proprio concentrato di vitamine e sali minerali ottenuti mediante la centrifuga di frutta e verdura. L’estrattore contenuto negli appositi macchinari utilizzati per i centrifugati sono capaci di separare il succo dalla polpa e dalla buccia. Spesso i centrifugati vengono anche chiamati estratti.

Lo smoothie è diventato un vero e proprio tormentone in questa stagione estiva perché è fonte di molti elementi nutritivi come vitamine e proprietà antiossidanti. Il merito della diffusione va alle celebrities di Hollywood come Blake Lively e Jennifer Garner che quotidianamente diffondono sui loro social foto e ricette di smoothies golosi e nutrienti. Molto apprezzati a colazione e a merenda sono freschi grazie alla presenza di ghiaccio che fa sì che si mantengono freddi ma non gelati. Se utilizzati per sostituire un pasto si consiglia di aggiungere nella preparazione latticini, frutta secca , cereali o spezie. La versione vegana prevede l’utilizzo di latte di soia.

I nutrizionisti si dichiarano a favore degli smoothies perché rispettano la regola delle cinque porzioni di frutta e verdura al giorno senza il rischio di gonfiare la pancia o irritare l’intestino. Per godere di tutte le proprietà benefiche di frutta e verdura occorre utilizzare frutta di stagione e fresca. L’avvertenza è di consumarli appena vengono preparati perché le proprietà benefiche delle vitamine si alterano col tempo e nella conservazione in frigo.

Gli smoothies colpiscono molto per i loro colori sgargianti. Non contengono coloranti artificiali. Il colore è creato grazie al mix di frutti e verdure. Molto gettonato è lo smoothie verde con la presenza al suo interno anche del cavolfiore, ingrediente introdotto dalla blogger, esperta di smoothies, Ashley Wood che ha dichiarato che il cavolfiore entra di diritto nei super cibi di grande valore nutritivo perché contiene vitamina C e B e apporta molti anti-ossidanti e protegge dal cancro e dalle malattie cardiovascolari. In California lo smoothie viene utilizzato per reidratarsi dopo la palestra. Da non sottovalutare è l’effetto detox che dipende dagli ingredienti utilizzati. I migliori per purificare sono mele, carote, frutti di bosco, ananas.

Ad ogni colore di smoothie è associato un effetto benefico specifico:

- Rosso: ricavato dal mix di fragole, ciliegie, rape, barbabietole favorisce il buon funzionamento del sistema cardio- vascolare e combatte i radicali liberi;

- Giallo: ricavato da agrumi, ananas, carote. Ha un potere antinfiammatorio e previene l’invecchiamento cellulare;

- Verde: grazie all’apporto di asparagi, menta, basilico, rucola, kiwi, avocado ha potere anti ossidante

- Viola: mix gustoso di mirtilli, frutti rossi, more, fichi e radicchio, è antinfiammatorio e aumenta le difese immunitarie.

Tags

Commenti

Commenta anche tu