Mania Peegasms: trattenere le urine per avere l'orgasmo

Mania Peegasms: trattenere le urine per avere l'orgasmo
11 Luglio Lug 2018 11 luglio 2018

Una nuova mania si sta diffondendo nel mondo femminile: si chiama Peegasms e consiste nel trattenere le urine, per percepire una sensazione molto simile all'orgasmo

Una nuova mania in ambito sessuale si sta diffondendo sempre più nel mondo femminile: si tratta dei Peegasms. Questa tecnica consiste nel trattenere il più a lungo possibile le urine, per poi provare una sensazione simile all'orgasmo quando si svuota la vescica. Le donne che hanno voluto provare questa strana tendenza dicono di avvertire brividi lungo la spina dorsale, arrivando infine a provare un piacere intenso. Alla base di questo assunto vi è una spiegazione scientifica: la vescica piena, infatti, stimola i nervi pelvici che sono collegati con l'eccitazione e proprio con l'orgasmo.

Questa pratica, però, è altamente sconsigliata dai medici perché ritenuta dannosa per la salute: trattenere l'urina troppo a lungo può avere conseguenze più o meno gravi, che vanno da semplici infezioni alle vie urinarie come la cistite, curabile con antibiotici specifici, a seri danni ai reni. È quanto ha spiegato a Cosmopolitan la dottoressa Clare Morrison, medico generico di MedExpress: "Questa 'pratica' è molto sconsigliabile. Trattenere le urine potrebbe portare a infezioni urinarie e persino danni ai reni. La ragione per cui alcune donne raggiungono l'orgasmo in questo modo è perché la sensazione della vescica piena stimola i nervi del bacino, portando all'eccitazione."

Si consideri anche che molte donne sono solitamente più inclini a contrarre la cistite. Online vi sono siti e forum dove si discute dei Peegasms e diverse partecipanti hanno riferito di non aver provato piacere, bensì un forte dolore alla vescica. In buona sostanza, è una tendenza sessuale che si spera possa svanire in breve tempo, visti i già citati rischi: come consigliano i medici, esistono modi più sicuri per vivere e sperimentare la propria sessualità.

Tags

Commenti

Commenta anche tu