Regole di convivenza per una vacanza tra amici

Regole di convivenza per una vacanza tra amici
11 Luglio Lug 2018 10 giorni fa

Una vacanza con gli amici può rivelarsi un disastro se non vengono rispettate le regole di una convivenza civile e serena. Ecco i nostri consigli per ritornare dalle vacanze ancora più solidi e complici di prima

Una delle regole fondamentali di un viaggio è partire con la compagnia giusta altrimenti si rischia di trasformare la vacanza tanto attesa e meritata in una vera e propria tragedia o incubo. Purtroppo si va in ferie una volta all’anno e proprio non ce lo possiamo permettere di lasciarci sfuggire la possibilità di rilassarci, mettere a tacere i pensieri negativi, dare sfogo al divertimento e alla creatività e alla spontaneità. Se ciò non è possibile si ritorna da una vacanza più stressati e stanchi di prima.

La convivenza anche tra amici può giocare brutti scherzi durante una vacanza. Un conto è frequentare gli amici per andare a bere una birra al pub o per assistere ad un concerto o una mostra. Condividere spazi, stare a contatto ventiquattr’ore su ventiquattro, negoziare sulle attività da svolgere, gestire gli umori e i potenziali litigi o incomprensioni non è assolutamente facile. Nella quotidianità emerge il vero carattere e la personalità di un amico.

C’è chi al ritorno da una vacanza rovina rapporti di amicizia durati anni. La convivenza anche nelle amicizie dimostra quanto due o più persone siano e compatibili e complici e quanto sono disposte a venirsi incontro, trovare un punto d’incontro per raggiungere un equilibrio. Ognuno inevitabilmente ha il proprio carattere, le proprie abitudini e stile di vita. Il gruppo che sopravvive ad una vacanza è quello che riesce a mantenere le autonomie individuali rispettando i ritmi, gli spazi e le passioni altrui. Se al ritorno i rapporti andranno a gonfie vele e magari si saranno anche arricchiti di più di complicità ed empatia è un grande segno.

Per gestire al meglio la convivenza tra amici vi forniamo 8 consigli utili e pratici per trasformare la vostra vacanza in un periodo sereno e divertente:

1) Chiarire i propri bisogni: bisogna farlo prima della partenza nel momento in cui si pianifica il viaggio da effettuare. Ognuno deve esprimere ciò che desidera fare e quali sono le aspettative sul posto da visitare. Serve per fare chiarezza nel gruppo e capire a cosa andremo incontro. Siate spontanei. Non temete di essere giudicati e né tanto meno si deve sempre accontentare i bisogni degli altri. Ricordatevi che la vacanza viene una volta all’anno quindi non dovete assolutamente sacrificare il vostro riposo e divertimento;

2) Lasciate da parte le “tossine sociali”: scegliete per le vostre vacanze le persone che vi fanno stare bene e a vostro agio. Non fate i masochisti decidendo di viaggiare con persone che già sapete che vi creeranno problemi. Evitate le persone negative che vi complicano le situazioni e hanno poco spirito di adattamento. Avete bisogno di fare il pieno di positività e spensieratezza;

3) Gestite un budget comune: è bene tenere una cassa comune per sostenere le spese che riguardano tutti come il cibo quando si viaggia o si decide di dividere un appartamento per le vacanze. C’è chi può permettersi di spendere tanto e chi poco. La soluzione giusta è essere chiari sin dall’inizio per non andare incontro a fraintendimenti o screzi;

4) Concordare i compiti di ognuno. Quando ci si ritrova a condividere spazi comuni è bene fissare delle mansioni e dei compiti per responsabilizzarsi. L’ideale è seguire a rotazione dei ruoli per far sì che tutti si sentano utili e attivi;

5) Rispettare gli spazi individuali: ognuno in vacanza deve essere libero di concedersi dei momenti per svolgere le proprie attività piacevoli e rilassanti come fare running, leggere, riposare, prendere il sole anche rimanere soli con se stessi. Non bisogna sentirsi in colpa perché questo non significa non apprezzare la compagnia. L’ideale è alternare momenti di tranquillità in solitaria a momenti di condivisione;

6) Negoziare: non esistono persone uguali a noi. Siate realisti. Le differenze ci sono e ci saranno sempre. Sforzatevi di trovare dei “punti d’incontro” quando si verificano incomprensioni o fraintendimenti;

7) Comunicate tanto: dialogare, esprimere come si sta e come ci si sente, confrontarsi sulle esperienze personali, raccontarsi. Durante il viaggio si ha tanto tempo a disposizione per instaurare un’inedita complicità ed empatia. Siate disponibili e gentili;

8) Abbasso le lamentele: non arrendetevi di fronte agli imprevisti ma accoglieteli con maturità e come occasioni per imparare qualcosa di nuovo sui propri compagni di viaggio che possono rivelarsi fonti di insegnamenti e ispirazioni inedite.

Tags

Commenti

Commenta anche tu