Stringere troppo la cravatta può provocare problemi

Stringere troppo la cravatta può provocare problemi
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Luglio Lug 2018 11 luglio 2018

La ricerca degli scienzati tedeschi: il nodo troppo stretto della cravatta provoca una riduzione dell'afflusso di sangue al cervello

Meglio non stringere troppo la cravatta. E non solo perché d'estate può davvero dar fastidio, ma anche per motivi di salute. Portare il nodo (sbagliato) al collo può infatti provocare problemi al cervello.

A dirlo sono gli scienzati della Universitätsklinikum Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania. La ricerca degli studiosi tedeschi si è fondata su una platea di 30 giovani, cui è stato chiesto di indossare la cravatta per poi sottoporsi ad alcune risonanze magnetiche di 15 minuti. I ragazzi, tutti di età intorno ai 24 anni e dichiarati sani, sono stati divisi in due gruppi distinti. A 15 di loro è stato chiesto di portare la camicia slacciata, agli altri 15 invece la cravatta ben stretta attorno al collo con il nodo Windsor.

Ebbene, le persone con la cravatta - spiega Libero - registrano un calo dell'afflusso di sangue al cervello del 7,5% in media. Il risultato potrà forse essere atteso e di certo non sarà molto significativo, visto il numero di individui coinvolti nel test. Ma può comunque far riflettere. Portare la cravatta troppo stretta, sopratutto in estate e in ufficio, può stringere le vene del collo, soffocando così l'afflusso di sangue al cervello e provocando una riduzione (sebbene non grave) delle attività del cervello. Lo studio pubblicato sulla rivista Neuroradiology, spiega il quotidiano, precisa anche che - sebbene con effetti minori - anche stringendo di meno la cravatta la riduzione di afflusso di sangue si riduce del 5,7%.

Tags

Commenti

Commenta anche tu