Fortis da (ri)scoprire

12 Luglio Lug 2018 9 giorni fa

Alberto Fortis è un tesoro della canzone d'autore. Stavolta pubblica un doppio album. Il primo è una versione pianoforte e voce del suo primo, fondamentale disco omonimo del 1979, quello con brani come Milano e Vincenzo e A voi romani o La sedia di lillà. Prima di quasi tutte le canzoni lui spiega le origini e le motivazioni che lo hanno portato a comporle. Emozionante. Nell'altro disco, che si intitola 4Fortys, ci sono tre inediti carichi di energia e ispirazione come Venezia, Maphya e Caro Giuseppe. Poi versioni inedite di Milano e Vincenzo, La nena del Salvador (dal disco La grande grotta) e Fragole infinite dell'82. Infine ci sono lunghe versioni live di pezzi «minori» come Qui la luna, Vivrai e Innamorata. La conferma di una qualità assoluta e memorabile.

Commenti

Commenta anche tu