Milan, parla lo staff di Commisso: "Davvero credete al fondo Elliott?"

Milan, parla lo staff di Commisso: Davvero credete al fondo Elliott?
12 Luglio Lug 2018 12 luglio 2018

Il fondo americano Elliott è il nuovo proprietario del Milan ma un membro dello staff di Commisso, possibile acquirente del club rossonero, attacca: "Tifosi rossoneri, credete davvero a Elliot?"

Il Milan è passato nelle mani del fondo americano Elliott con Paul Singer che è intenzionato a rilanciare il club rossonero: "Elliott è impaziente di cimentarsi nella sfida di realizzare il potenziale del club e di restituirlo al pantheon dei top club calcistici europei al quale il Milan appartiene di diritto. Elliott crede fermamente che vi sia l’opportunità di creare valore su AC Milan. Vogliamo creare una stabilità finanziaria con una gestione sana. Vogliamo raggiungere successo a lungo termine e assicurare che il club sia ben capitalizzato; perseguire un modello operativo sostenibile che rispetti le norme del Fair play". Erik Stover che fa parte dell staff di Rocco Commisso e direttore operativo di Cosmos e , ha twittato "contro" Elliot: "Davvero qualche tifoso del Milan crede a una sola parola di Elliott?".

Qualche utente gli ha poi chiesto spiegazioni in merito con lui che ha risposto tono su tono: "Questi fondi non sono famosi per le proprietà sentimentali. La proprietà non vuole vendere". Il fondo americano che fa capo a Singer, ha tutte le intenzioni di tenersi stretta la gloriosa società rossonera anche se sia la famiglia Ricketts che Rocco Commisso non mollano la presa. Secondo i rumors, però, si parla di una possibile cessione tra un anno esatto, magari la prossima estate, visto che ci sarebbe un accordo tra Elliott e Yonghong Li. Le parti, infatti, avrebbero stabilito che se il fondo americano dovesse cedere il Milan a 500 milioni di euro, e nel giro di un anno, l'eccedenza di 120 milioni dovrebbe essere poi girata a Li. A questo punto a Singer converrebbe cedere il club tra un anno e non ora, quando decadrà questo accordo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu