MotoGP: ufficiale, Daniel Pedrosa si ritira a fine anno

MotoGP: ufficiale, Daniel Pedrosa si ritira a fine anno
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
12 Luglio Lug 2018 12 luglio 2018

Prima delle conferenze ufficiali del Sachsenring, alle ore 16, Daniel Pedrosa ha confermato il ritiro dalle corse a fine 2018.

Era nell’aria da un po’, ora c’è la conferma: Daniel Pedrosa tramite una conferenza stampa improvvisa, ha annunciato il suo addio alle corse alla fine del 2018.

Da qualche settimana il campione spagnolo aveva dato adito alle voci: le prestazioni in netto calo, un certo malumore e l’addio da parte di Honda avevano messo le basi per un possibile abbandono. Il passaggio di Lorenzo in HRC e il posto vacante nel nuovo team Yamaha Petronas le sostituivano, pensandolo interessato a una nuova sfida.

E invece Pedrosa ha detto stop: come Stoner prima di lui, giovani piloti (entrambi classe 1985) forse fragili che hanno chiuso la carriera probabilmente anzitempo .

Il pilota spagnolo abbandona dopo 18 anni di sodalizio con la Honda: uno dei matrimoni più “fedeli” per la specialità, che lo ha visto crescere in tutte le categorie: una volta campione del mondo della classe 125cc, due volte della 250cc, sembrava destinato al successo in MotoGP.

Successo invece, mai arrivato: una serie di infortuni, rivali competitivi e forse una certa debolezza di carattere lo hanno relegato sempre sui gradini più bassi del podio. I maligni ai tempi asserivano che persino il depotenziamento a 800cc voluto per la MotoGP dal 2007 al 2011 fosse fatto appositamente per farlo vincere: lui, cosi piccolo e gracile, sembrava mal digerire i bolidi da oltre 240 cavalli e mille di cilindrata.

Durante la conferenza di oggi, Carmelo Ezpeleta ha dichiarato: “Ricordo Dani quando salì per la prima volta sulla moto, molto piccolo. Il suo palmares e il suo comportamento devono essere d’esempio per il resto dei piloti. Sarà un eroe della MotoGP, sarà una MotoGP Legend. Lo nomineremo a Valencia, come ringraziamento per la sua carriera”.

Un riconoscimento importante per il pilota, che non si è mai risparmiato e dato veramente tutto per le moto e non intende smettere: “Spero di poter fare qualcosa per questo mondo, sono qui da quando avevo 15 anni. L’intensità nel mio approccio era diversa, e così le mie priorità. Ho sempre dato tutto, mentre ora è diverso. Vorrei essere ricordato come un pilota che ha dato il meglio di sé, sia in pista che fuori, come sportivo”.

E’ probabile che lo rivedremo quindi, sotto una diversa luce: l’esperienza di un campione del suo calibro può migliorare molti ambiti, soprattutto la sicurezza.

Tags

Commenti

Commenta anche tu