"Aboliamo il reato di tortura". Assalto della sinistra sulla Meloni

Aboliamo il reato di tortura. Assalto della sinistra sulla Meloni
13 Luglio Lug 2018 13 luglio 2018

La leader di Fdi propone l'abolizione del reato di tortura. La rivolta della sinistra: "Meloni e Salvini propongono per modello l'Egitto?"

Fratelli d'Italia ha presentato alla Camera due proposte di legge. Una, per aumentare le pene contro chi aggredisce le forze dell'ordine. L'altra, per abolire il reato di tortura, norma inserita dalla scorsa legislatura e che "come è formulato oggi impedisce agli agenti di fare il proprio lavoro". Per presentare i progetti di legge la Meloni ha pubblicato un post su twitter che è diventato subito motivo di attacchi da parte della sinistra.

"L'onorevole Meloni scrive su Twitter che vuole abolire il reato di tortura perché impedisce alle forze dell'ordine di fare il loro mestiere: è come affermare che tra i mestieri e i compiti delle forze dell'ordine ci sia la tortura. Roba da matti. O, semplicemente, da fascisti", attacca Nicola Frattoianni di Leu. E Maurizio Acerbo, di Rifondazione, aggiunge: "Non ci risulta che, in uno Stato di diritto, il lavoro della polizia consista nel torturare i cittadini. Meloni e Salvini propongono per modello l'Egitto?". In una prima versione, infatti, la leader di Fratelli d'Italia aveva omesso di scrivere "come è formulato oggi", provocando l'ira dei vari politici della sinistra che sembrano non aver compreso il ragionamento della deputata. Lei, comunque, ha preferito spiegare meglio la sua posizione, aggiungendo un video alla discussione.

"Noi diamo la nostra disponibilità a dare una mano al governo - ha detto Meloni - sulle questioni per cui siamo stati votati, purtroppo registriamo una chiusura su alcune nostre proposte. Tutti siamo contrari alla tortura, ma bisogna capire cos'è la tortura. Se dai 12 anni a un agente per minacce psicologiche, io non sono d'accordo". "Noi - ha ggiunto la leader di Fdi - vogliamo pensare alla legislazione che permetta agli uomini in divisa di operare. Abbiamo chiesto l'aumento delle pene per chi aggredisce un agente. Oggi se aggredisci un uomo in divisa non sei in pratica sanzionabile". Poi la precisazione sul reato di tortura: "La legge come è stata fatta dalla sinistra dice che un agente può avere 12 anni di galera per minacce psichiche. In pratica se sta arrestando qualcuno e gli scappa una parolaccia...12 anni di galera. E invece se io massacro un pubblico ufficiale prendo solo sei mesi..."

Tags

Commenti

Commenta anche tu