Diciotti, il Pd invoca le dimissioni. Salvini: "Martina dorme male..."

Diciotti, il Pd invoca le dimissioni. Salvini: Martina dorme male...
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Luglio Lug 2018 13 luglio 2018

Il segretario del Pd chiede le dimissioni del ministro dell'Interno dopo il caso Diciotti. L'affondi Leu e Civati. Ma Salvini: "Martina ha dormito male"

Continua lo scontro che vede al centro la vicenda della nave Diciotti. I 67 migranti recuperati dalla Vos Thalassa al largo della Libia sono sbarcati ieri sera dopo la telefonata di Mattarella a Conte che ha sbloccato lo stallo. Lo scontro nella maggioranza di governo tra i rigoristi della Lega, capitanati da Salvini, e il M5S sembra solo all'inizio. Di Maio questa mattina si è schierato con il Colle, chiedendo all'alleato di rispettare le scelte del Quirinale. E così la sinistra ne ha subito approfittato per mettere alla berlina il ministro dell'Interno.

Il primo a lanciare la (folle) richiesta di dimissioni del capo del Viminale è il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina: "Di fronte all'incapacità del ministro dell'Interno di assolvere al suo compito - ha detto a Radio Capital - senza ogni volta buttarla in propaganda e provocare, Salvini dovrebbe dimettersi per il bene del paese". Il segretario dem, in difficoltà nella gestione del suo partito, si scaglia contro il leader del Carroccio: "Perché se sei impegnato in una vicenda cosi delicata non puoi sempre fare sceneggiate - ha aggiunto - . Come pensa di governare situazioni come queste? A colpi di tweet e di facebook? Vorrei discutere concretamente di quello che sta accadendo e non della provocazione di giornata di Salvini. Se mettiamo in fila le cose dette in queste settimane ci accorgiamo che l'Italia non è più sicura ma più isolata e se guardiamo i dati, il numero delle morti in mare rispetto alle partenze sono aumentate ed è un dato preoccupante".

L'appello di Martina ha raccolto il plauso immediato del leader di Possibile, Pippo Civati: "Dopo l'ennesima indegna propaganda (fake, peraltro) sulla Diciotti, e le ridicole tanto quanto gravi esternazioni sulla sentenza della Cassazione sull'odio razziale - ha scritto su Twitter - ci sono tutti gli elementi perché l'opposizione presenti una mozione di sfiducia nei confronti del ministro Salvini". E mentre Leu annuncia la mozione di fiducia contro il ministro, Salvini non si scompone. E con una frase liquida il segretario del Pd: "Martina chiede le mie dimissioni? Si vede che ha dormito male, poverino...".

Tags

Commenti

Commenta anche tu