Dopo ménage à trois chiedono somma di denaro: assolti due coniugi

Dopo ménage à trois chiedono somma di denaro: assolti due coniugi
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Luglio Lug 2018 14 luglio 2018

È accaduto nella provincia di Sassari. I due erano arrivati a dar fuoco all'auto del 40enne con cui avevano una relazione a tre

È iniziata come una conoscenza hot su Facebook tra un uomo di 40 anni di Ossi, in provincia di Sassari, ed una donna di 35 anni di Ittiri, sempe nel Sassarese. Poi dal virtuale sono passati ad una frequentazione reale con l'aggiunta del marito di lei.
Da quel momento sono iniziate le richieste di denaro da parte dei coniugi, sempre più insistenti. Prima da parte di lei e poi anche da parte del marito. La coppia è arrivata a minacciare l'uomo di pubblicare le foto hot scattate insieme, su Facebook se si fosse rifiutato di dar loro i soldi. I fatti risalgono a tre anni fa. Oggi, dopo il processo, arriva l'assoluzione per i due. A darne notizia è il quotidiano regionale "La Nuova Sardegna".

Il 40enne era diventato vittima di estorsioni e ha poi deciso di denunciare tutto ai carabinieri. Ai militari l’uomo aveva anche mostrato i messaggi che provavano i ricatti da parte dei due coniugi. Sono scattate così le indagini per poi arrivare al processo. Marito e moglie dovevano rispondere di tentata estorsione. Ieri è arrivata l'assoluzione dei due perchè il fatto non sussiste.
Inizialmente il pubblico ministero aveva chiesto l’assoluzione solo per il marito e la condanna per la moglie a un anno e due mesi di reclusione. Secondo il pm le richieste di denaro e la minaccia di pubblicare le foto hot su Facebook non erano stati un’invenzione del 40enne. Anche uno dei carabinieri di Ossi durante il processo ha confermato di aver letto i messaggi minacciosi da parte della coppia inviati all'uomo. Caso strano, però, i messaggi sono spariti dalla memoria del cellulare del 40enne, così come le foto di sesso, compromettenti. Non è rimasto così che assolvere la coppia dall’accusa.

Tags

Commenti

Commenta anche tu