Allarme tarantole: in Inghilterra si moltiplicano ragni brasiliani

Allarme tarantole: in Inghilterra si moltiplicano ragni brasiliani
17 Luglio Lug 2018 17 luglio 2018

Una specie di grandi tarantole brasiliane, con prole al seguito, è stata rinvenuta in libertà in Inghilterra: i ragni si starebbero moltiplicando velocemente, un fatto che genera apprensione

Due tarantole, appartenenti a una specie brasiliana, sono state rinvenute in libertà nei pressi di un parcheggio del Derbyshire, in Inghilterra. Alcuni soccorritori di animali, appartenenti alla Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals (RSCPA), hanno lanciato l'allarme dopo il ritrovamento di 10 contenitori in un parcheggio di un centro commerciale a Somercotes, contenitori in cui soggiornavano tre piccoli ragnetti. Sulle scatole in questione pare vi fosse un'etichetta, pronta a confermare l'origine degli aracnidi: degli esemplari di Lasiodora parahybana, comunemente noti poiché in molti ritengono possano nutrirsi anche di piccoli uccelli, sebbene non vi siano particolari evidenze in merito.

L'ispettore della RSPCA, Kristy Ludlam ha raccontato l'accaduto: "La donna che ci ha contattato si è comprensibilmente spaventata nell'accorgersi della presenza dei ragni nei contenitori, considerato come abbia paura di loro. Pare che qualcuno sia passato con l'auto su due di questi contenitori: il guidatore ha quindi riferito alla donna che ci ha chiamato di aver visto due ragni più grandi. I corpi non sono stati rinvenuti, di conseguenza è probabile siano fuggiti". Sempre la RSPCA ha specificato che queste tarantole, la cui lunghezza delle zampe può raggiungere i 25,4 centimetri, difficilmente può sopravvivere in Inghilterra poiché abituata a climi torridi e umidi. Infine Ludlam ha precisato che: "È probabile che i ragni siano degli esemplari d'allevamento non più voluti e che qualcuno abbia deciso di sbarazzarsene". Ora le piccole tarantole vengono curate presso il centro veterinario Arnold and Carlton di Nottingham, fino a quando non si troverà una sistemazione permanente.

Tags

Commenti

Commenta anche tu