Bakuchiol: dalla natura l'alternativa di bellezza al retinolo

Bakuchiol: dalla natura l'alternativa di bellezza al retinolo
31 Luglio Lug 2018 31 luglio 2018

Estratto dal Babchi, questo complesso dagli effetti simili alla vitamina E aiuta la pelle a mantenersi sana e giovane

Di origine naturale e più potente del retinolo: stiamo parlando del bakuchiol, un estratto proveniente dall'India recentemente entrato a far parte della rosa dei preferiti dall'industria cosmetica.

Estratto dal Babchi, pianta conosciuta con il nome scientifico Psoralea corylifolia, questo complesso biomimetico classificato tra i terpenofenoli era già ampiamente utilizzata nelle preparazioni auyrvediche così come nella medicina cinese, prima di essere scoperta dalla cosmetologia moderna. Le sua azione, proprio come quanto accade con la vitamina E, è in grado di conferire alla pelle un aspetto più compatto, riducendo così eventuali segni di espressione e rughe del viso.

Efficace nei trattamenti antinvecchiamento e antiossidanti, il bakuchiol agisce direttamente sull'epidermide senza però seccarla come accade in seguito all'utilizzo del retinolo. Secondo recenti studi pubblicati sull'International Journal of Cosmetic Science, questo risulterebbe più aggressivo soprattutto sulle pelli più delicate. Inoltre, grazie al suo effetto esfoliante, è in grado di incrementare la naturale produzione di elastina e collagene indispensabili per tenere giovane l'aspetto del viso oltre che più luminoso.

Tale caratteristica, ovvero il suo potere antinfiammatorio e antibatterico dovuto all'interazione con le cellule dell'epidermide, lo renderebbe dunque un valido alleato contro l'acne diminuendo l'infiammazione tipica di questa fastidiosa patologia. Nonostante la sua natura di derivato dalle piante, il bakuchiol non sarebbe da utilizzare con leggerezza: infatti utilizzato in quantità eccessiva potrebbe provocare irritazioni sulle pelli molto sensibili.

Tags

Commenti

Commenta anche tu