"Notturni in Castello", si parte con Vivaldi

Notturni in Castello, si parte con Vivaldi
8 Agosto Ago 2018 08 agosto 2018

Da Verdi a Morricone: Milano ritrova la sua colonna sonora estiva in sei serate

Tornano i «Notturni in Castello» che, per la loro XXV edizione, scelgono un programma da festival in sei serate, dal 10 al 23 agosto, confermando la Milano Chamber Orchestra che, accompagnerà solisti di fama internazionale.

Prodotta e curata dall'Associazione Amici della Musica Milano, la rassegna si inserisce nell'Estate Sforzesca, manifestazione che dal 2013 anima da giugno ad agosto con concerti e spettacoli di danza e teatro il Cortile delle Armi del Castello Sforzesco. Un luogo simbolo per i milanesi, ma anche meta di migliaia di turisti ogni giorno, un vero e proprio museo a cielo aperto che di notte si accende di una magia particolare e unica. Da Puccini a Mascagni, passando per Vivaldi e Piazzolla, fino a Morricone e Piovani, «Notturni in Castello» rappresenta storie in musica da ascoltare e riascoltare, attingendo dai grandi classici del passato più o meno recente, spaziando dall'opera alle colonne sonore. Realtà cittadina giovane e dinamica e dal respiro internazionale, la Milano Chamber Orchestra sarà la protagonista. Una realtà che guarda oltre le entità orchestrali già presenti sul nostro territorio. Il suo obiettivo principale è quello di far avvicinare il pubblico, a volte magari stanco e annoiato dalle proposte degli ultimi anni, creando un approccio più fresco e più aperto a ogni tipo di orecchio, dal più rodato a quello più profano, cercando di unire tutti nell'unico intento di emozionare e di acculturare al tempo stesso. Composta da venti elementi, tutti diplomati con il massimo dei voti nei conservatori italiani ed esteri, l'orchestra trova nella sua direzione il giovane e talentuoso Lorenzo Passerini, classe 1991 che oltre all'entusiasmo, ha saputo rievocare le composizioni di una volta in maniera innovativa e travolgente.

Intento pienamente condiviso con il programma elaborato per l'edizione 2018 di «Notturni in Castello» che, attraverso grandi voci soliste, come la giovane soprano, Katerina Kotsou (in scena sabato 11 con la serata dedicata a Verdi, Puccini e Mascagni) una delle più belle voci nel panorama lirico europeo, e interpreti quali Alessandro Quarta, recentemente premiato a Montecitorio come Eccellenza italiana, porta nel Cortile della Armi del Castello Sforzesco, una proposta di altissimo livello. Al talentuoso violinista salentino, l'arduo compito di interpretare con suo personale stile i grandi successi del maestro argentino Astor Piazzolla, in programma per giovedì 23. Un autore che ha inciso nell'arte, nella musica, nella storia, lo stile di una nazione, di un popolo di una cultura, ma soprattutto nel suo modo di vedere la vita: Il Tango Argentino.

L'edizione 2018 celebra la grande tradizione italiana con una proposta che accosta le indimenticabili note delle «Quattro Stagioni» di Antonio Vivaldi interpretate da Glauco Bertagnin, nella serata di venerdì 10, rievocando le colonne sonore di film che hanno fatto storia, (appuntamento previsto per venerdì 17) fino alla rappresentazione scenica di un'opera d'arte con gli attesi «Tableaux Vivants», sabato 18. Uno spettacolo fortemente emozionale che prende forma sotto gli occhi degli spettatori attraverso 19 capolavori di Caravaggio con l'accompagnamento di un repertorio barocco.

Una serata sarà dedicata anche agli amanti del genere fantasy che non possono lasciarsi sfuggire il concerto del 22 agosto con le colonne sonore delle saghe più celebri, dall'ultimo successo planetario de «Il Trono di spade» fino a arrivare alla trilogia del Signore degli Anelli, passando per l'indimenticabile Harry Potter. Musiche che richiamano ad un mondo epico a storie di magia e mistero ambientate in un medioevo fantastico. Toni solenni, melodie di ampio respiro, temi imperiosi che giocano un ruolo essenziale accanto alle gesta epiche e agli scenari maestosi del cinema fantasy. Un mix di emozioni e note senza tempo dei maestri della musica risuoneranno nella splendida cornice del Cortile delle Armi, diventando storie in musica di cui godere sotto le stelle.

Commenti

Commenta anche tu