"I rom sul treno ci esasperano. Volevo difendere i miei passeggeri": ora parla la capotreno

I rom sul treno ci esasperano. Volevo difendere i miei passeggeri: ora parla la capotreno
9 Agosto Ago 2018 6 giorni fa

I colleghi della dipendente che, martedì 7 luglio ha annunciato ai molestatori e ai rom di abbandonare il treno, spiegano i motivi che hanno spinto la capotreno a comportarsi in questo modo: "Esasperati dai rom"

L'annuncio della capotreno sulla linea Milano-Cremona di martedì 7 luglio ha sollevato un vero e proprio polverone.

Il suo "molestatori e zingari scendete" perché "avete rotto i coglioni" non è piaciuto a tutti. Perché se da una parte la capotreno ha avuto fin da subito dalla sua il ministro dell'Interno Matteo Salvini, dall'altra altre forze politiche (sempre le solite) e la stessa Trenord non hanno condiviso il suo gesto e le sue parole. Così, senza neanche dirlo, si è creata una sorta di caccia alla "strega" per punire la dipendente. Dipendente che oggi dovrà vedersela con l'azienda per spiegare le ragioni del suo gesto.

Per ora, quindi, a raccogliere lo sfogo della capotreno sono stati i colleghi con cui viaggiava fino a due giorni fa. "Ero sotto pressione - riporta un collega a Il Messaggero - è stato il gesto estremo di una situazione al limite. C'è esasperazione per la presenza di gruppi di rom sul treno, quell'annuncio l'ho fatto per difendere i miei passeggeri".

La capotreno, quindi, lo ha fatto per le condizioni in cui lei e sui colleghi sono costretti a lavorare. A lavorare, specifico. Ma questo non è una novità. È fatto saputo e risaputo che sui treni regionali ci siano i furbetti che fanno di tutto pur di non pagare il biglietto. Si sa anche che gli stranieri (ma non solo) "molestano" i viaggiatori regolri nella speranza di raccattare qualche moneta. Questo si sapeva già. Lo ha ribadito la capotreno. E lo confermano i suoi colleghi. Più volte, anche i sindacati di categoria hanno segnalato queste condizioni di disagio. "È una tratta sulla quale molti passeggeri viaggiano senza biglietto - conferma un rappresentate di categoria - in cui le intemperanze verbali dei viaggiatori inadempienti nei confronti degli addetti ai lavori sono all'ordine del giorno".

Il regionale Milano-Cremona, stando ai racconti degli addetti ai lavori, sembra essere una terra di nessuno. Sul treno si può trovare chi chiede soldi prima della partenza, chi pretende di circolare gratis e anche chi affronta a muso duro i dipendenti di Trenord. "Spesso - racconta ancora a Il Messaggero un passeggero - ci troviamo a bordo dei convogli nelle ore serali, durante il rientro a casa, senza alcuna guardia giurata e completamente allo sbando. I controllori si rinchiudono in testa al treno, insieme ai macchinisti. Ma nei convogli non c'è sicurezza e si viaggia nel terrore che qualche malintenzionato possa salire e farci del male".

Insomma, non sembra proprio che pendolari, macchinisti, controllori e capitreno viaggino nel massimo dei comfort. In condizioni di tranquillità. Forse prima di sparare a zero su una dipendente arrivata al limite, bisognerebbe chiedersi perché sia arrivata al limite.

Tags

Correlati

Commenti

Commenta anche tu