Lira ai minimi sul dollaro: la Turchia spaventa i mercati

Lira ai minimi sul dollaro: la Turchia spaventa i mercati
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Agosto Ago 2018 10 agosto 2018

La moneta di Ankara ai minimi storici sul dollaro. Il Sultano: "In atto manovre contro di noi". E le Borse sprofondano

Nuovi minimi storici per la lira turca sul dollaro. La lira è scambiata a 5,85 dollari, sulla scia della crisi diplomatica tra Turchia e Stati Uniti per il pastore americano detenuto da Ankara e per il moltiplicarsi dei timori per l'esposizione delle banche europee. La moneta turca è scesa per la prima volta sotto quota 6 dollari, perdendo circa il 12% del suo valore. Poi è risalita a 5,85 dollari.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan punta il dito contro i dazi degli Stati uniti e denunciato "campagne in corso" contro il suo Paese. Il Sultano ha invitato i cittadini a "non prestare loro alcuna attenzione" e a non farsi prendere dal panico: "Se loro hanno i dollari, noi abbiamo la nostra gente, il nostro diritto, il nostro Allah e continuiamo a camminare con passo fermo verso il futuro", ha detto.

La crisi spaventa i mercati e trascina al ribasso le Borse europee, su cui pesano anche l'inasprimento dei dazi. Tutto questo per l'Italia si traduce in un'impennata immediata dello spread, che dopo la chiusura della vigilia a 252 stamattina è salito sopra i 260 punti.

Bagno di sangue a Piazza Affari dove il Ftse Mib arriva a perdere alle 16 oltre 3 punti percentuali (-3,03% a quota 20.980 punti), affossata dai timori per la svalutazione della lira turca nei confronti del dollaro. Raffica di vendite per i bancari in particolare, con Unicredit particolarmente presa di mira per la sua esposizione verso il mercato della Turchia, dove possiede l'istituto Yapi Kredi: le azioni della banca guidata da Mustier crollano del 6,39% a quota 13,54 euro. Effetti anche sullo sperad che chiude a 267 punti base. Record negli ultimi due mesi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu