Usa, spingono dal ponte l'amica che ha paura di tuffarsi: ricoverata

Usa, spingono dal ponte l'amica che ha paura di tuffarsi: ricoverata
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Agosto Ago 2018 10 agosto 2018

La ragazza ha 5 costole rotte, l'esofago contuso, la trachea ferita e un polmone perforato

Era andata con un gruppo di amici alle cascate di Moulton, sul fiume Lewis, nello stato di Washington, negli Usa. L'intenzione era quella di tuffarsi da un ponte, alto 60 piedi, 18 metri sopra l'acqua.

Ma Jordan Holgerson, 16enne, aveva avuto in ripensamento, proprio poco prima del tuffo, mentre si trovava già oltre la barriera del ponte, in costume."No, non voglio tuffarmi", dice la ragazza ai suoi amici, che fanno il conto alla rovescia, pressandola perché si butti. Ma lei dice "no" una seconda volta, visibilmente impurita. Poi una voce chiede "Pronta?" e contemporaneamente una donna spinge Jordan giù dal ponte. Il tutto è stato ripreso da un amico del gruppo in un video.

Si sentono le grida della ragazza che precipita e atterra nell'acqua in un modo scomposto, con un tonfo sordo.

Jordan è stata portata di corsa in ospedale, dove i medici hanno potuto rilevare la frattura di cinque costole e diverse lesioni interne: esofago contuso, ferite alla trachea, bolle d'aria nel petto e un polmone perforato. Fortunatamente la 16enne non riporterà ferite permanenti, ma il rischio era che rimanesse paralizzata o addirittura che morisse.

Tags

Commenti

Commenta anche tu