La Merkel "rottama" Dublino: "Ripartire equamente migranti"

La Merkel rottama Dublino: Ripartire equamente migranti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
11 Agosto Ago 2018 11 agosto 2018

La Cancelliera contro gli accordi Ue su asilo e accoglienza: "Non bastano più, dobbiamo ripartire equamente i migranti"

Angela Merkel è pronta a "rottamare" il Trattato di Dublino - che regola in Europa l'accoglienza e l'asilo dei migranti - e ad aiutare i Paesi del Mediterraneo nella gestione di flussi e sbarchi per una redistribuzione più equa dei richiedenti asilo.

Lo ha detto la stessa Cancelliera tedesca dopo aver incontrato il premier spagnolo, Pedro Sanchez: "Tutti noi riceviamo dei benefici dalla libera circolazione all'interno dell'Ue e allo stesso modo dobbiamo ripartire equamente i migranti che hanno diritto di rimanere sul territorio", ha detto la Merkel, "Tuttavia non è stata ancora trovata la soluzione. Il sistema di Dublino non funziona".

I due si sono incontrati a San Lúcar de Barrameda - a Cádiz, nel Sud della Spagna - nel giorno in cui entra in vigore l'accordo firmato lo scorso 6 agosto e che prevede il rientro nella penisola iberica di chi ha richiesto asilo a Madrid, ma è stato fermato alla frontiera tedesca e rimandato indietro entro le 48 ore. Una strategia che il governo di Berlino sta negoziando anche con la Grecia e l'Italia.

"In teoria nessun profugo o migrante dovrebbe arrivare in Germania", ha spiegato oggi la Cancelliera, "Ma questo non corrisponde alla realtà. Bisogna lavorare a un sistema di distribuzione equo e organizzare insieme i respingimenti".

Intanto Spagna e Germania hanno trovato un'intesa per fare ottenere maggiore sostegno dall'Ue al Marocco, Paese di partenza di molti migranti: "Quattordici chilometri separano la costa della Spagna - e quindi l'Europa - da quelli del Nordafrica ma c'è una distanza infinitamente maggiore in termini di sviluppo", ha dichiarato Sanchez dopo i colloqui con Merkel, "Ridurre la profondità di questo abisso di disuguaglianza deve essere uno dei compiti principali dell'Unione europea".

Tags

Commenti

Commenta anche tu