Più figli, meno tasse Il governo rispolvera il quoziente familiare

Più figli, meno tasse Il governo rispolvera il quoziente familiare
11 Agosto Ago 2018 3 giorni fa

Il leader leghista rilancia la proposta: «Premiare la natalità». Anche i 5s d'accordo

E Salvini disse «qualcosa di centro». Nell'estate delle mille polemiche su fisco e welfare, il vice premier intervistato dal sito di ispirazione cattolica La Nuova bussola quotidiana rispolvera un classico del riformismo centrista. «L'obiettivo che mi pongo da qui fino a fine governo - annuncia - è introdurre il concetto di quoziente familiare, in modo da premiare la natalità e la scommessa sul futuro». Il quoziente familiare mette al centro della tassazione la famiglia attraverso un meccanismo di calcolo complesso, ma che si può semplificare immaginando di sommare i redditi dei coniugi e dividerli per il numero dei componenti, applicando la tassazione sull'importo medio che ne deriva. Chiaramente, il vantaggio è tanto maggiore quanto più è numeroso il nucleo familiare.

Il principio stona invece alle orecchie della sinistra, anche perché considerato meno progressivo rispetto agli assegni familiari, che si riducono rapidamente all'aumentare del reddito. Il problema è che si riducono talmente in fretta che quando si arriva alle cifre del ceto medio, degli sgravi restano solo le briciole.

Le prime reazioni infatti arrivano dal Pd. «Salvini - dice il senatore Edoardo Patriarca - non si è reso conto che la campagna elettorale è finita? Ora promette pure il quoziente familiare, cosa che non farà mai visto che non è previsto nel contratto di governo Lega-M5s». In realtà, sebbene nelle ultime settimane dalla Lega siano spesso arrivati annunci rapidamente smentiti dagli alleati pentastellati, questo non è il caso del quoziente familiare. Nel contratto di governo si legge che «punto di partenza è la revisione del sistema impositivo dei redditi delle persone fisiche e delle imprese, con particolare riferimento alle aliquote vigenti, al sistema delle deduzioni e delle detrazioni e ai criteri di tassazione dei nuclei familiari». Una formulazione piuttosto generica, ma che sembra in effetti introdurre il principio del nucleo familiare che, per quanto riguarda le imposte dirette, l'Irpef, è poco considerato dal nostro ordinamento, che tassa il reddito dei singoli. Ancora più esplicita è la pentastellata Laura Castelli che parla di «coefficiente familiare», definizione alternativa, concetto identico: «Se c'è una cosa che abbiamo in comune con la Lega - dice al Giornale il vice ministro all'Economia - è l'idea del coefficiente familiare, che era già presente nella legge sul reddito di cittadinanza che avevamo presentato nella scorsa legislatura». Per Laura Castelli, dunque, il quoziente familiare è tra gli obiettivi del governo che potrebbero rientrare perfino nella manovra in arrivo.

Un recente studio de Lavoce.info sostiene che il quoziente familiare aiuterebbe solo i ricchi. «È una vecchia polemica - ribatte Luigi Campiglio, docente di Politica economica alla Cattolica - come quella che scoraggerebbe il lavoro delle donne. Più delle analisi teoriche, - spiega - mi fido della realtà: in Francia, dove è applicato da anni, non è successo, mentre si è avuto l'effetto di equità di tassazione a parità di figli. Speriamo sia la volta buona».

Commenti

Commenta anche tu