Esordio della pistola elettrica. Bloccata una rissa in Centrale

Esordio della pistola elettrica. Bloccata una rissa in Centrale
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
7 Settembre Set 2018 07 settembre 2018

I poliziotti fermano un bulgaro armato di catena. Soddisfazione del ministro Salvini: "Buona la prima"

Che dire se non che come inizio è decisamente promettente? Lo pensa pure il ministro dell'Interno Matteo Salvini che ieri si è lasciato andare a un Twitter entusiasta, molto in linea con il suo stile colorato: «Buona la prima!». Del resto non poteva andare meglio a Milano, nel primo giorno di sperimentazione nazionale del Taser X2, la pistola gialla classificata come «arma propria» che emette impulsi elettrici a tensione controllata per bloccare temporaneamente i movimenti di qualche esagitato. A un capo pattuglia della polizia è bastato infatti solo dichiarare ad alta voce di aver attivato l'«arma propria» (è così che viene definita dal vademecum per gli operatori, ndr) senza neppure doverla mostrare ed estrarre dalla fondina, che la persona in questione - un bulgaro di 30 anni, agitatissimo, che con in mano una catena e un coccio di vetro si avvicinava ai poliziotti - si è seduto a terra tranquillo, senza più muoversi, seguito dagli altri due. Un effetto deterrente immediato quello del Taser, quindi, una sorta di «caso da manuale».

Ma vediamo com'è andata. Mercoledì poco prima delle 20.30, un equipaggio delle «Volanti», dopo la chiamata di un residente al centralino della questura, è arrivato in piazza Duca d'Aosta all'angolo con via Vitruvio, cioè proprio davanti alla stazione Centrale, per sedare una rissa tra tre uomini, due italiani di 33 e 40 anni e il bulgaro di cui parlavamo prima. La polizia ha chiesto il supporto di un altro equipaggio che aveva in dotazione il Taser. Giunta sul posto la seconda «Volante» il capo pattuglia ha semplicemente avvertito l'agitatissimo bulgaro di aver attivato la pistola elettrica. Contro lo straniero non è stato preso nessun tipo di provvedimento.

Insomma, come ha sottolineato ancora Salvini, ringraziando le forze dell'ordine, «più sicurezza e meno rischi». E il ministro ha aggiunto: «Avanti così, con la volontà di introdurre il Taser anche per la polizia ferroviaria, per la polizia locale e per la polizia penitenziaria».

Soddisfazione ha espresso anche Riccardo De Corato, assessore regionale a Sicurezza, immigrazione e polizia locale.

«Ancora più positivamente ho appreso la notizia che Salvini intende dotare, fra le altre, anche la polizia locale di Taser, dando così l'okay alla richiesta che proprio in questi giorni gli uffici dell'assessorato alla Sicurezza di Regione Lombardia avevano inoltrato al ministero dell'Interno perché anche i vigili lombardi potessero utilizzare questo importante strumento - conclude De Corato -. L'intenzione è infatti quella di fare un bando nel 2019 sia per la videosorveglianza sia per dotare i vigili di spray al peperoncino, body cam e Taser».

Commenti

Commenta anche tu