Sempre più matrimoni finiscono per colpa dei social network

Sempre più matrimoni finiscono per colpa dei social network
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Settembre Set 2018 10 settembre 2018

Secondo i dati Istat i single sono aumentati del 345,1% e i social network hanno le loro responsabilità

Matrimoni in fallimento anche grazie a internet. Secondo i recenti dati Istat gli sposati ritornati single sarebbero aumentati del 345,1% dal 1991 a oggi. I social network e le chat avrebbero le loro colpe. Se da una parte internet aiuta molte persone a trovare la propria anima gemella sul web, dall’altra Instagram e simili aiutano i fedifraghi ad avere maggiori possibilità di tradimento.

L’avvocato Lorenzo Puglisi, Presidente e fondatore dell’associazione Familylegal, è certamente di questa opinione e spiega che i social “hanno dato sicuramente un impulso enorme ai tradimenti, mai come negli ultimi 5 anni. Il dating online ha oramai superato il vecchio approccio vis à vis per lasciare spazio al flirting tramite smartphone”. In effetti, l’uso di questi mezzi tecnologici è notevolmente aumentato, di pari passo con il numero di matrimoni falliti.

Basti pensare che solo a Milano il 45% dei matrimoni finiscono a causa di tradimenti scoperti e consumati sul web. Instagram, Facebook, Tinder, Badoo e altri sono semplici da usare e sembrano innocui. In teoria gli approcci su internet vengono iniziati come puramente virtuali, senza rendersi conto che la strada che porta a imbattersi in un vero e proprio tradimento non è poi così lontana.

Si comincia a scriversi, chiacchierare di vari argomenti fino al desiderio di incontrare realmente quella persona sconosciuta che riesce a capirci meglio di chi condivide con noi la vita reale. Una volta scoperto il traditore, le conseguenze non si fanno certo attendere. L’infedeltà, anche se virtuale, può essere paragonata a quella vera, con tanto di risarcimento. Perché, anche se non si dovesse arrivare a consumare il tradimento, sarebbe in ogni caso lesa la fiducia riposta dal proprio coniuge.

Puglisi sottolinea però che “l’adulterio è vietato solo per chi è sposato. Non vale quindi per i conviventi e per le unioni civili, all’interno delle quali, quindi, è concesso tradirsi reciprocamente senza alcuna conseguenza legale”. Se abbiamo la fede al dito evitiamo di scaricare sul nostro smartphone app pericolose, che potrebbero essere molto costose per noi e per il nostro conto in banca.

Tags

Commenti

Commenta anche tu