Arte contemporanea, ricerca Ipsos: ecco i freni allo sviluppo

Arte contemporanea, ricerca Ipsos: ecco i freni allo sviluppo
12 Settembre Set 2018 12 settembre 2018

Giovedì 13 settembre la presentazione dello studio al Sisal Art Place nello storico Palazzo Drago a Palermo

Quale arte in Italia?” è la domanda a cui cerca di dare un risposta puntuale la ricerca dell’istituto Ipsos che viene presentata giovedì 13 settembre dalle 18.30 alle 20 al Sisal Art Place di Palazzo Drago a Palermo nell’ambito di Manifesta 12. Terzo incontro dei Tasting Art dopo i due interventi delle artiste Stefania Galegati Shines e Liliana Moro. Andrea Alemanno, group director Ipsos, presenterà i risultati dello studio di scenario introdotto da Stefano De Vita, responsabile market intelligence del Gruppo Sisal. La Ricerca Ipsos offre un quadro completo della percezione dell’arte contemporanea in Italia tracciato dai suoi principali attori: artisti, galleristi, collezionisti, istituzioni pubbliche e private, oltre che appassionati, hanno contribuito a delineare punti di forza e criticità di un settore in continuo fermento.

Il progetto del Gruppo Sisal, principal partner di Manifesta 12, ha infatti preso avvio con un approccio metodologico, attraverso la rielaborazione dei dati dell’indagine affidata a Ipsos: un’accurata analisi per evidenziare lo stato dell’arte contemporanea, mettendo in luce i principali luoghi di diffusione e le maggiori piazze di fruizione artistica, e sottolineando la necessità di riposizionare gli artisti al centro dell’ecosistema. Questo percorso si inserisce in un programma di Responsabilità Sociale d’impresa che ha nel sostegno alla cultura contemporanea uno dei suoi elementi portanti.

Manifesta 12, Frieze, ArtBasel: che spazio per gli artisti italiani? Le grandi metropoli attirano creatività e investimenti: come posizionare il nostro Paese in questo circuito virtuoso? Hub creativi: sono modelli da replicare in Italia? La globalizzazione stimola o frena il valore creativo? L’italiano è notoriamente un animale social: l’artista lo è?

Queste sono solo alcune delle domande poste in base ai dati raccolti, proiettati nel Sisal Art Place, che evidenziano, in particolare, la difficoltà dell’arte contemporanea Italiana ad affermarsi a livello internazionale. Tra gli ostacoli che ne impediscono lo sviluppo emergono: la carenza di risorse pubbliche, una fiscalità penalizzante, debolezza delle sinergie tra pubblico e privato, in un sistema che stenta ad estendere una promozione efficace e che sovente costringe gli artisti a vivere la propria arte come residuale

Tags

Commenti

Commenta anche tu