Macron fa il grillino e lancia il reddito universale contro la povertà

Macron fa il grillino e lancia il reddito universale contro la povertà
13 Settembre Set 2018 8 giorni fa

Il presidente francese Macron: "Con una legge nel 2020 creeremo un reddito universale per consentire a tutti di vivere decentemente"

In grave crisi di popolarità, con una percentuale di gradimento addirittura inferiore a quella fatta registrare da Hollande, il presidente francese Emmanuel Macron cerca di correre ai ripari. Lo fa annunciando una legge per creare un "reddito universale per consentire a tutti di vivere decentemente". La misura ricorda molto il reddito di cittadinanza proposto in Italia dal Movimento 5 Stelle.

"Questa misura sarà universale - spiega Macron - perché tutti possono rivendicarla non appena il proprio reddito scenderà al di sotto di una certa soglia". Sarà "semplice, equo e trasparente, uniremo il maggior numero di benefici sociali per fornire finalmente una risposta unica per garantire che le persone vivano con dignità. Si tratta di far tornare le persone al lavoro".

Il capo dell'Eliseo ha quindi sottolineato che questa forma di aiuto sarà un "contratto di impegno e di responsabilità reciproca". Sarà accompagnato da "diritti e doveri ulteriori". Ogni destinatario si iscriverà a un "percorso di inserimento in cui sarà impossibile rifiutare più di due offerte di lavoro ragionevoli".

Quello che ha presentato Macron è un piano da 8 miliardi di euro in quattro anni. "Fai di più per chi ha meno" è lo slogan che appare di fronte alla piattaforma del Museo dell’Uomo di Parigi, dove il presidente ha pronunciato il discorso per presentare la "Strategia nazionale per la prevenzione e la lotta alla povertà". Il presidente, che era accompagnato da diversi ministri, tra cui quella della Solidarietà Agnes Buzyn, ha sentito le testimonianze di diverse persone che vivono in condizioni di povertà o che sono riusciti ad uscirne. Con questa mossa Macron intende ribaltare l’immagine di "presidente dei ricchi" che gli viene contestata dall’opposizione e che potrebbe costargli cara alle prossime elezioni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu