Pure Draghi bacchetta l'Italia: "Danni da parole del governo"

Pure Draghi bacchetta l'Italia: Danni da parole del governo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Settembre Set 2018 13 settembre 2018

Dopo Moscovici, pure il presidente Bce punta il dito contro l'esecutivo: "Dal governo solo parole che hanno fatto danni"

Dopo il commissario Ue Pierre Moscovici - secondo cui l'Italia è "un problema" per l'area euro -, pure Mario Draghi striglia il governo.

"Le parole negli ultimi mesi sono cambiate diverse volte, ora aspettiamo i fatti", ha detto il presidente della Bce. Che poi ha aggiunto: "Finora sfortunatamente le parole hanno creato dei danni". Il riferimento è allo spread: "I tassi di interesse sono saliti per le famiglie e per le imprese", ha spiegato.

Poi ha richiamato l'esecutivo al mettere nero su bianco i provvedimenti economici. "Il fatto principale è la bozza della legge di bilancio e la discussione che il Parlamento farà su essa", ha esortato, "Dobbiamo vedere come avverrà e di conseguenza si regoleranno gli investitori. La Banca centrale europea si atterrà a ciò che hanno detto il primo ministro italiano, il ministro dell'Economia e il ministro degli Esteri, e cioè che l'Italia rispetterà le regole".

Commenti

Commenta anche tu