Russia, grave il marito di una delle Pussy Riot: "L'hanno avvelenato"

Russia, grave il marito di una delle Pussy Riot: L'hanno avvelenato
13 Settembre Set 2018 8 giorni fa

Piotr Verzilov, marito e attivista di un'esponente delle Pussy Riot (gruppo punk anti-Putin), è grave in un ospedale di Mosca. A luglio fece irruzione in campo durante la finale dei Mondiali di calcio

È in ospedale, in gravi condizioni, Piotr Verzilov, marito di un'esponente delle Pussy Riot (band musicale russa anti-Putin) e lui stesso attivista. L'uomo è ricoverato nel reparto di Tossicologia di un ospedale di Mosca. Secondo sua moglie, Nadia Tolokonnikova, "potrebbe essere stato avvelenato". Verzilov lo scorso luglio finì su tutti i giornali perché, insieme a tre Pussy Riot, fece irruzione in campo durante la finale dei Mondiali. Per quella bravata è stato condannato a quindici giorni di carcere.

Verzilov è stato ricoverato l’11 settembre, dopo aver perso la vista, la parola e le capacità motorie, in un lasso di tempo molto breve. Era appena tornato a casa sua, a Mosca, dopo aver assistito a un’udienza di un processo contro un’attivista delle Pussy Riot, quando si è sentito male. L'uomo ha doppia cittadinanza, russa e canadese, e da anni collabora con le Pussy Riot.

Tags

Commenti

Commenta anche tu