Sui nuovi treni telecamere, wifi e spazi per bici

Sui nuovi treni telecamere, wifi e spazi per bici
13 Settembre Set 2018 13 settembre 2018

Trenord annuncia 50 nuovi convogli nei prossimi due anni. Il problema della sicurezza

Telecamere «intelligenti» in grado di prevedere situazioni a rischio e allertare la polizia ferroviaria in tempo reale, wi fi, luci a led, ma anche spazi per i passeggini e per le biciclette. La piccola rivoluzione di Trenord passa anche da qui, dai nuovi 50 nuovi treni ad alta capacità a due piani per i pendolari che entreranno in servizio nei prossimi due anni. E' il primo passo di un processo che porterà entro il 2025 a fare scendere l'età media dei treni lombardi di 12 anni. L'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Lombardia dal Presidente della Regione, Attilio Fontana, dal Presidente di Fnm Andrea Gibelli, dal Ceo di Hitachi Rail Italy Maurizio Manfellotto e dall'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi. «E' una giornata importante e stiamo compiendo un ulteriore passo concreto per dare ai cittadini e agli utenti un servizio ferroviario degno di Regione Lombardia- ha spiegato l'assessore- Oltre alla sicurezza i nuovi treni avranno una particolare attenzione verso i cittadini con esigenze particolari e verso l'ambiente, penso in particolare alle famiglie con spazi ad hoc a loro dedicati permettere i passeggini ma penso anche alle persone con mobilità ridotta: i treni saranno infatti dotati di una pedana che copre la distanza tra treno e banchina. E ci sarà anche u attenzione all'ambiente con la riduzione del 30 per cento dei consumi di energia elettrica, la riduzione del rumore e l'utilizzo di materiali riciclati e biodegradabili oltre alla predisposizione di spazi per biciclette ed E-bike». Ferrovie Nord Spa e HitachiRail Italy hanno firmato un accordo quadro per la consegna, entro il 2020, di almeno 30 convogli a configurazione «corta» di 4 carrozze e 20 in configurazione «lunga» a cinque carrozze che verranno inserite sulle linee più frequentate. Sono treni progettati per percorsi con fermate ravvicinate e quindi avranno un ottimo spunto in partenza come quello delle metropolitane.

«L'accordo ha durata di otto anni e consente di dare qualche informazione sulla Trenord del futuro rispetto alla qualità del servizio- ha spiegato Gibelli- Sui nuovi treni ci saranno conta passeggeri ma anche telecamere interne a intelligenza predittiva che possono fare intervenire la Polfer quando rilevano situazioni che possono determinare momenti di crisi». Non solo. «Le telecamere possono anche individuare facce sospette da una banca dati- ha spiegato il Ceo di Hitachi- ed è possibile recuperare i movimenti di queste persone incrociando, le telecamere sia di terra sia di bordo». La consegna del primo treno è prevista in 20 mesi.

Commenti

Commenta anche tu