Dybala, Pogba, Modric & C. Il mercato non finisce mai

Dybala, Pogba, Modric & C. Il mercato non finisce mai
15 Settembre Set 2018 6 giorni fa

Da quest'anno gli acquisti d'inverno possono giocare nelle coppe. Occhio a Juve, Inter e Real

Zamparini l'ha buttata lì, pochi giorni fa: «A gennaio la Juventus venderà Dybala e incasserà un centinaio di milioni. Io spero che vada in Spagna, quello è un calcio che fa per lui». Può essere che si tratti della solita boutade del numero uno del Palermo, cui da sempre piace provocare e spararla grossa. Rispetto agli anni scorsi, però, c'è un elemento in più da tenere in conto e da non trascurare: i giocatori che nella sessione di mercato invernale dovessero cambiare maglia potranno giocare nelle competizioni europee anche se saranno già scesi in campo nella prima fase di Champions ed Europa League. Un cambiamento che rischia di fare sì che il mercato rimanga davvero aperto tutto l'anno: i big potranno insomma tranquillamente prendere in considerazione l'idea di traslocare senza che questo significhi rinunciare ai prestigiosi (e danarosi) palcoscenici internazionali. Meglio o peggio, così è e così sarà. E se al momento non risultano esagerati mal di pancia dello stesso Dybala nei confronti della Juventus e di Allegri - che anche domani, contro il Sassuolo, dovrebbe farlo cominciare dalla panchina - altrettanto non si può dire per esempio per Pogba: i rapporti del francese con Mourinho continuano a essere tesi, la corte della Juventus discreta così come quella di altre grandi potenze europee (Barcellona in primis) e, insomma, il Polpo campione del mondo rimarrà al centro delle attenzioni di qualunque società voglia pensare in grande.

Lui, ma non solo lui. Perché lo stesso Dybala non è detto che strada facendo non possa intristirsi, se minutaggio e rendimento non dovessero aumentare secondo le aspettative: si sa che l'Atletico Madrid lo ha corteggiato a lungo, ma nelle ultime ore ha preso corpo l'ipotesi che possano essere i cugini del Real a fare sul serio dicendosi pronti a versare 120 milioni nelle casse bianconere (che proprio ieri hanno registrato un rosso di circa 19 milioni) per regalare la Joya a Lopetegui.

Si vedrà. Intanto, il mercato (quasi sempre) aperto è un qualcosa di nuovo da considerare fin da questi giorni che precedono l'inizio di Champions ed Europa League.

Nulla può essere escluso, nemmeno che l'Inter torni a bussare alle porte del Real per regalare (si fa per dire) Modric (che adesso in Spagna ha anche guai con il fisco) a Spalletti: e se tra le due società sono volati gli stracci nelle scorse settimane, sì sa che nel calcio il tempo e i soldi appianano tutto. È già successo e accadrà ancora, basta saperlo e non stupirsi più di nulla. In Italia come all'estero, dove per esempio uno come Neymar potrebbe anche farsi tentare, ammesso che già non lo sia, dalla possibilità di lasciare Parigi per tornare in Spagna, magari proprio al Real su cui si sono recentemente abbattuti gli strali del patron Al Khelafi. È un mondo nuovo, ecco, stravolto in estate dall'affare Ronaldo e adesso ulteriormente stravolgibile da scenari vietati fino a pochi mesi fa.

Nel frattempo, appunto, oggi ricomincia il campionato e tra martedì e mercoledì Juve, Napoli, Roma e Inter cominceranno il loro cammino nella più importante manifestazione continentale: in bocca al lupo.

Commenti

Commenta anche tu