Perché mangiare pasta allunga la vita

Perché mangiare pasta allunga la vita
15 Settembre Set 2018 15 settembre 2018

La pasta è un alimento completo fonte di importanti carboidrati e vitamine del gruppo B. Un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health ha dimostrato che chi mangia pasta vive più a lungo.

La pasta allunga la vita. Sfatiamo i miti secondo i quali la pasta fa ingrassare e non può essere mangiata di sera.

Una ricerca recente pubblicata sulla famosa rivista scientifica americana, The Lancet Public Health, dimostra che chi mangia pasta e quindi assume carboidrati, è longevo. Questa aspettativa di vita cresce di quattro anni rispetto a chi fa una dieta che riduce l’assunzione di carboidrati per favorire le proteine. La suddetta ricerca, infatti, punta il dito contro le diete iperproteiche in cui l’assunzione di proteine e grassi provoca problemi al fegato,di stipsi e affaticamento ai reni.

La pasta è un alimento che permette di avere un’alimentazione sana e bilanciata. Può essere mangiata anche di sera basta che sia cotta al dente e mangiata con pochi condimenti. Un buon piatto di pasta la sera, infatti, aiuta a mantenerci di buonumore e a dormire meglio.

I nutrizionisti suggeriscono di consumare circa 80 grammi di pasta al giorno e di prediligere quella di grano duro meglio se trafilata al bronzo e anche integrale. Deve essere assolutamente cotta al dente per poter ottenere il senso di sazietà e godere del suo indice glicemico più basso. Per chi è celiaco o intollerante al glutine via libera alla pasta di riso integrale, di quinoa o di grano saraceno.

Ecco le principali proprietà benefiche della pasta per un'alimentazione sana e una vita più lunga:

1) E’ fonte di energia: ci permette di affrontare gli sforzi intensi perché fornisce la carica giusta grazie all’apporto dei preziosi carboidrati complessi;

2) Mette di buonumore: è un’ottima soluzione allo stress perché contiene le vitamine del gruppo B soprattutto la B1 che è fondamentale per il buon funzionamento del sistema nervoso centrale. Il glucosio che si libera dall’amido favorisce la produzione della serotonina, l’ormone del benessere che favorisce anche il sonno;

3) Protegge il cuore: ha un indice glicemico basso che permette di non alzare i livelli della proteina C, responsabile di molti problemi cardiovascolari;

4) Previene i tumori: essendo povera di sodio e fibre previene l’insorgere dei tumori soprattutto se condita col pomodoro fresco, fonte ineguagliabile del licopene, potente antitumorale;

5) Alleata per la dieta dimagrante: se consumata in quantità moderata e con pochi condimenti ha un alto potere saziante che dura a lungo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu